Howard Fast

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Howard Melvin Fast (1914 – 2003), scrittore e sceneggiatore statunitense. Fu famoso anche con gli pseudonimi di E. V. Cunningham e Walter Ericson.

Incipit de Il cerchio[modifica]

In uno di quei suoi caratteristici momenti di sincerità, che in seguito divennero ben noti ai telespettatori, il dottor Hepplemeyer attribuì il suo successo scientifico più al nome che portava che alla sua intelligenza. — Potete immaginarvi cosa significhi chiamarsi Julius Hepplemeyer e dover portare questo nome per tutto il resto della vita? Se uno si chiama Julius Hepplemeyer è costretto o ad emergere o a perire[1].

Da Spartacus[modifica]

Dopo molto tempo, Spartaco si chiese: "Chi scriverà delle nostre battaglie, di ciò che abbiamo vinto e di ciò che abbiamo perduto? E chi dirà la verità?". La verità degli schiavi era contraria a tutta la verità dei tempi in cui vivevano.

Note[modifica]

  1. Una rielaborazione di questo racconto è stata fatta da Shinichi Hoshi con Ehi, attenzione!, sostituendo il cerchio di Howard Fast con un buco nel terreno.

Bibliografia[modifica]

  • Howard Fast, Il cerchio, traduzione di Enzo Nardella, Mondadori, 1973.
  • Howard Fast, Spartacus, traduzione di Attilio Veraldi, Marco Tropea Editore, 2000.

Altri progetti[modifica]