Il museo dei sogni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il museo dei sogni

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Paese Italia
Anno 1950
Genere documentario
Regia Luigi Comencini
Interpreti e personaggi

Il museo dei sogni, cortometraggio documentario del 1950, regia di Luigi Comencini.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Che fare di tanta pellicola senza più valore commerciale? Formata di celluloide, matieria infiammabilissima, basta una sigaretta per provocare spaventosi incendi che hanno causato vitime in tutti i paesi del mondo. Incendi che i pompieri preferiscono non incontrare. La celluloide scoppia come dinamite! (narratore)
  • Addio, Ingrid. La tua sorte è segnata. (narratore) [prima che i componenti chimici di una copia in pellicola di un film con Ingrid Bergman vengano scomposti]
  • Pensate a quanti film avete visto dieci, quindici, vent'anni or sono. Film che oggi magari vorreste rivedere. Impossibile. Sono tutti finiti così. [...] Sono diventati un pettine da quattro soldi, un giocattolo che rallegra un bimbo, una palla da ping pong. (narratore)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]