Ingeborg Bachmann

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Graffito rappresentante Ingeborg Bachmann a Klagenfurt

Ingeborg Bachmann, nota anche come Ruth Keller (1926 – 1973), poetessa, scrittrice e giornalista austriaca.

Citazioni di Ingeborg Bachmann[modifica]

  • C'è stato un momento preciso che ha distrutto la mia infanzia. L'entrata delle truppe di Hitler a Klagenfurt. Fu qualcosa di così orrendo che il mio ricordo inizia con questo giorno, con un dolore troppo precoce, così intenso come forse dopo non l'ho più provato.[1]
  • Dagli italiani ho imparato qualcosa ma è difficile dire che cosa. Perché da loro si può imparare soltanto dopo avere buttato via ogni idea che ci siamo fatti prima. Non sono le bellezze, né gli alberi di aranci, nemmeno la splendida architettura, ma il modo di vivere. Qui ho imparato a vivere.[1]
  • La nostra società è talmente malata che fa diventare malato l'individuo e che l'individuo in questa società, in questo mondo, alla fine si dice che muore, ma questo non è vero perché ognuno di noi alla fine è stato ucciso.[1]
  • Passando da un uomo all'altro un corpo femminile deve disabituarsi e riabituarsi a cose del tutto nuove. Ma un uomo va avanti tranquillamente con le sue abitudini.[2]
  • Si dovrebbe essere soltanto e unicamente uno straniero per riuscire a sopportare un luogo come K. [Klagenfurt] più a lungo di un'ora, o per vivere qui per sempre. Soprattutto non sarebbe lecito essere cresciuti qui ed essere io, e poi ritornarci ancora.[1]
  • Sparire devo, | mi dicono, laggiù, | e spinta, non sparisco | ancora, voglio volare | una volta ancora sulla | terrazza. | Non ho taciuto | perché tacere è buono e bello, | non avevo più niente da dire.[3]

Incipit di Malina[modifica]

Ancora fumato e ancora bevuto, contate le sigarette, i bicchieri, e lasciate ancora due sigarette per oggi; perché tra oggi e lunedì ci sono tre giorni, senza Ivan.[4]

Citazioni su Ingeborg Bachmann[modifica]

  • In realtà a distruggerla è stato logicamente solo il mondo che la circondava e, in sostanza, la volgarità del suo paese d'origine, dalla quale era stata perseguitata passo dopo passo anche all'estero, com'è accaduto a tanti altri. (Thomas Bernhard)

Note[modifica]

  1. a b c d Citato in Ranieri Polese, Bachmann, la follia di una straniera, Corriere della sera, 21 marzo 2010, p. 38.
  2. Da Malina.
  3. Da Non conosco mondo migliore.
  4. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Bibliografia[modifica]

  • Ingeborg Bachmann, Malina, traduzione di Maria Grazia Manucci, Adelphi, 2018.
  • Ingeborg Bachmann, Non conosco mondo migliore, traduzione di Silvia Bortoli, Ugo Guanda editore, 2010. ISBN 8860889715

Altri progetti[modifica]

donne Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne