Inmaculada Mengíbar

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Inmaculada Mengíbar (1962 – vivente), poetessa spagnola.

Citazioni di Inmaculada Mengíbar[modifica]

  • Quanto silenzio | che si accumula | nel breve spazio da una bocca a un'altra | fino a fondare il bacio. Quanti anni | per scoprire alla fine quanto lontano, si, quanto lontani | si ritrovano sempre due corpi che si amano. || Tutto quello che mai siamo riusciti a dirci | in quella città d'autunno, | mi parla | col tuo accento di cose per sempre perdute. || E da qualche luogo | forse del disamore, o dell'oblio | di quello che mi ha reso felice, forse, un tempo, | – le tue mani, la tua pelle – mi giunge adesso | un odore di zagare che mi avvolge e che bacia | dolcemente i miei occhi, le mie labbra, un momento, | mentre chiudo il balcone.[1]

Note[modifica]

  1. (ES) Dall'opera Los días laborables, Hiperión, Madrid, 1988. In Dieci poeti spagnoli degli anni 1980-1990, cura e traduzione di Mariapia Lamberti, Poesia, n. 63, anno VI, giugno 1993, Crocetti Editore, Milano, 1993, p. 21.

Altri progetti[modifica]