J. R. Simplot

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

John Richard Simplot (1909 – 2008), imprenditore statunitense.

Citazioni di J. R. Simplot[modifica]

  • [Alla domanda su quale fosse il segreto del suo successo] Diavolo, amico, sono solo un vecchio contadino che ha avuto un po' di fortuna.[1]
  • L'unica cosa intelligente che ho fatto, e mi ricordo solo questa, è che il novantanove percento delle persone si sarebbero ritirate, ai primi venticinque o trenta milioni. Io non mi sono ritirato. Ho continuato.[1]

Citazioni su J. R. Simplot[modifica]

  • Dai macchinari [della Simplot] escono fiumi di patate a fette. L'atmosfera è allegra, umile, eisenhoweriana, come se un sogno di progresso tecnologico, di vita migliore grazie al cibo surgelato, si fosse finalmente realizzato. Su tutta l'impresa aleggia lo spirito di un uomo: John Richard Simplot, il grande barone americano delle patate, che grazie a un'energia apparentemente inesauribile e alla volontà di rischiare ha costruito un impero basato sulle patatine fritte. Simplot, certamente la figura più importante di uno degli stati più conservatori della nazione [l'Idaho], mostra i tratti contraddittori che hanno guidato lo sviluppo economico dell'Ovest americano, una strana mistura di individualismo e di dipendenza dal suolo e dalle risorse pubbliche. In un ritratto appeso sopra il banco della reception presso l'impianto di Aberdeen, J.R. Simplot ha il sorriso saputo di un giocatore che ha fatto il colpo grosso. (Eric Schlosser)

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista in Eric Schlosser, Fast Food Nation, traduzione di Maria Grazia Gini, Oscar Mondadori, 2014, p. 161. ISBN 978-88-04-64200-8

Altri progetti[modifica]