Jean-Antoine Roucher

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Antoine Roucher

Jean-Antoine Roucher (1745 – 1794), poeta francese.

Citazioni di Jean-Antoine Roucher[modifica]

  • Quale nero pensiero rattrista la mia ebbrezza! | Questi agnelli che sotto i miei occhi impazzano d'allegrezza, | strappati alla loro madre, ai fiori di questo poggio, | finiranno in città abbattuti da un coltello. | Servono per apprestare un banchetto sanguinario, | dove l'uomo, arrogandosi un diritto immaginario, | tiranno degli animali, esibisce senza rimorsi | i suoi assassinî mascherati, e si nutre di morti. | Fermati, uomo vorace, fermati [...].[1]

Note[modifica]

  1. Da Les Mois, primo canto sul mese di marzo; citato in Erica Joy Mannucci, La cena di Pitagora. Storia del vegetarianismo dall'antica Grecia a Internet, Carocci editore, Roma, 2008, p. 81. ISBN 978-88-430-4574-7

Altri progetti[modifica]