Jean-Joseph Rabearivelo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Joseph Rabearivelo

Jean-Joseph Rabearivelo (1903 – 1937), poeta e scrittore malgascio.

Citazioni di Jean-Joseph Rabearivelo[modifica]

  • Ove mi condurrete, mani brutali della Sorte? | e su quale tenero praticello | o su quale erba amara dal fiore velenoso | mi stenderete un giorno alla fine del viaggio? | Quale scopo raggiungerà la mia vita avventurosa: il fondo dei mari o la sponda? | Non importa! Imbarcatemi perché devo imbarcarmi! | Gettiamo un solo sguardo ai fuochi del mattino | di cui la gloria viene forse a schernirmi | nei rigori del mio destino! | Domani, è la tenebra spessa e il mistero; | domani, è alla partenza il doloroso carme | che può esprimere un'anima legata alla terra; | domani, è la vita stessa! (da Esilio[1])

Note[modifica]

  1. Citato in Nuova poesia negra, versioni e introduzione di Maria Grazia Leopizzi, Guanda, Parma, 1961, p. 275.

Altri progetti[modifica]