Jean-Louis Bruguès

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Louis Bruguès

Jean-Louis Bruguès (1943 – vivente), teologo e vescovo francese.

La felicità orizzonte della morale[modifica]

  • Cristo non beatifica affatto alcune categorie sociali in quanto tali.
  • Gesù ha visto nella felicità l'oggetto stesso della sua missione.
  • Il tempo e l'usura che derivano dal suo scorrere minacciano costantemente la felicità, mentre l'uomo non si rassegna all'effimero.
  • L'uomo è così fatto che non può fare a meno di aspirare ad una pienezza e a una perfezione raggiungibile con le sue sole forze.
  • La felicità segna la fine di tutto ciò che fa soffrire.
  • La morale cristiana è una morale pasquale: non si comprenderebbero affatto le sue esigenze se si togliesse la dimensione escatologica.
  • La tradizione cristiana dei primi tempi non contrapponeva la beatitudine celeste alla felicità terrena.
  • Le beatitudini non tracciano affatto un programma politico, esse piuttosto indicano ad ognuno la via della sua liberazione interiore.
  • Le canzoni popolari sono la poesia e la filosofia della gente semplice.
  • Se la felicità è il fine della morale allora è necessario farne una categoria fondamentale.
  • Se la morte sorprende il fedele mentre la sua capacità di amare non ha ancora raggiunto la pienezza, Dio manifesta verso di lui una delicatezza supplementare.
  • Tutte le religioni parlano di un aldilà, sono nate per questo.

Bibliografia[modifica]

  • Jean-Louis Bruguès, La felicità orizzonte della morale, Edizioni Studio Domenicano, 2007

Altri progetti[modifica]