Jean-Roch Coignet

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Jean-Roch Coignet, conosciuto più comunemente come capitano Coignet, (1776 – 1865), scrittore, militare e cavaliere della Legion d'onore francese.

Ricordi di J. R. Coignet[modifica]

Incipit[modifica]

Quello che feci nel battaglione ausiliare di Senna- e – Marna e nella 96ma mezza-brigata
(23 agosto 1799 – 23 marzo 1803)
Il valico del San Bernardo-Montebello
Il 6 fruttidoro dell'anno VII, due gendarmi si presentarono a casa del Signor Potier, per consegnarmi il foglio di viaggio con l'ordine di partire il 10 per Fontainebleau. Feci subito i miei preparativi. I miei padroni volevano acquistarmi un sostituto, ma io li ringrazai piangendo, e promisi loro di ritornare presto con una medaglia d'argento oppure di farmi ammazzare. Gli addii furono tristi; ciò nonostante tutti mi colmarono di riguardi. Quando partii, con il mio fagotto sotto il braccio, mi si accompagnò per un lungo tratto di strada e fui abbracciato con calore. Mi fermai a dormire a Rozoy, prima tappa militare indicata sul mio foglio, e l'indomani arrivai a destinazione.

Citazioni[modifica]

  • A forza di sparare non riuscivamo più a far funzionare i nostri fucili. Gli ufficiali, disperati, ci indicarono un rimedio singolare per questo nuovo problema. Consisteva nel pisciare nella canna e nell'asciugarla in seguito, bruciandovi della polvere non premuta. (p. 34)

Bibliografia[modifica]

  • Jean-Roch Coignet, Ricordi di J. R. Coignet, Edizioni de Crémille, Ginevra, 1969.

Altri progetti[modifica]