Jean Sénac

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Jean Sénac (1926 – 1973), poeta e scrittore algerino.

Citazioni di Jean Sénac[modifica]

  • Il mio paese sorride ai turisti | Algeri la Bianca riposa in pace | vanno e vengono i carri di polizia | la lebbra del cuore è ben difesa || Chi dunque griderà | il miele amaro degli alveari | i corpi all'addiaccio | i poveri che barano col freddo || Bella pelle di arancia dolce | e denti di fresco mattino || la miseria inganna | non fidatevi di tanta bellezza || Qui si muore in silenzio | senza orma sotto il sole. (da Le belle apparenze[1], Aurora del mio popolo[2])

Note[modifica]

  1. Apparsa insieme alla poesia Vergogna, entrambe comprese nella raccolta Aurora del mio popolo nel numero della rivista Esprit nel novembre del 1955, dedicato alla guerra in Algeria. Cfr. La Resistenza nella letteratura francese, note al testo, p. 470.
  2. In Walter Mauro, La Resistenza nella letteratura francese, dalla 2° guerra mondiale all'Algeria, Canesi Editore, Roma, 1961, p. 290.

Altri progetti[modifica]