Joë Bousquet

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Joë Bousquet (1897 – 1950), poeta francese.

Citazioni di Joë Bousquet[modifica]

  • Amare, significa essere assenti da se stessi.[1]
  • C'è un solo Dio, è il silenzio di Dio.[2]
  • Colui che fa regnare la purezza, nel bene come nel male, collabora all'affrancamento dell'essere.[3]
  • Da molto tempo mi sforzo di sostituire ogni idea con una visione.[4]
  • Essere creati da Dio significa senza dubbio incarnare l'essere del suo essere, noi siamo le immagini del suo potere, ne abbiamo consapevolezza, siamo probabilmente il suo pensiero. Dovremmo tremare per questo, patire la nostra indegnità, ma non dubitare della capacità di rivelazione che è in ciascuno di noi.[5]
  • Lei [Simone Weil] aveva il dono di pronunciar parole con significato umano illimitato.[6]
  • Ogni pensiero umano è pensiero soltanto in subordine: dapprima è l'invenzione di un mondo dove la morte non si lascia presentire.[7]
  • Porto in me un individuo irrivelato. Mi conosce, ma non so niente di lui, eccetto che la mia persona è la sua ombra con i suoi appetiti inconfessabili e il suo bisogno di segreto.[8]
  • Si è se stessi solamente nel proprio cuore; si ama solamente quel che fa di lui un asilo. Si è felici solamente per il modo che si ha di essere ospiti di se stessi.[5]

Note[modifica]

  1. Da D'un regard l'autre, Verdier, Lagrasse, 1982, p. 12; citato in postfazione a Corrispondenza, p. 64.
  2. Da Mystique, Gallimard, Parigi, 1973, p. 8; citato in postfazione a Corrispondenza, p. 70.
  3. Da Note-Book, Rougerie, Mortemart, 1982, p. 25; citato in postfazione a Corrispondenza, p. 74.
  4. Citato in postfazione a Corrispondenza, p. 72.
  5. a b Da una lettera a Simone Weil, aprile 1942, in Corrispondenza, p. 19.
  6. Da una lettera a Hélène e Pierre Honnorat, 26 gennaio 1945, in Corrispondenza, p. 43.
  7. Da una lettera a Simone Weil, aprile 1942, in Corrispondenza, p. 18.
  8. Da D'un regard l'autre, Verdier, Lagrasse, 1982, p. 33; citato in postfazione a Corrispondenza, p. 71.

Bibliografia[modifica]

  • Simone Weil, Joë Bousquet, Corrispondenza, traduzione e postfazione di Adriano Marchetti, SE, Milano, 1994. ISBN 88-7710-625-5

Altri progetti[modifica]