Joann Sfar

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Joann Sfar

Joann Sfar (1971 — vivente), fumettista e regista francese.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il piccolo principe[1][modifica]

Una volta quando avevo sei anni, in un libro sulla foresta vergine che si intitolava “Storie della natura”, vidi un disegno stupendo. Raffigurava un serpente boa che ingoiava un animale.
“I serpenti boa ingoiano la loro preda tutta intera, senza masticarla. Dopo non riescono più a muoversi e dormono per i sei mesi chi gli occorrono per digerire”.
Mi colpi molto.
Fu allora che feci il mio primo disegno.

L'eterno[modifica]

«Se suono il violino la sveglio.»
«Chi se ne frega, tanto dorme sempre.»
«Ha bisogno di dormire, Caïn. Le donne incinte dormono tanto.»
«Vuoi guardarle le tette, fratellino? Già erano notevoli prima, ma ora stanno diventando...»
«Non è la mia fidanzata, Caïn.»
«E nemmeno la mia, cosa c'entra? È soltanto una contadina che mi sbatto.»
«Però il bambino è anche tuo» mormorò l'ucraina senza aprire gli occhi.
Si stiracchiò con l'eleganza di un plantigrado, buttò un paio di cuscini contro la parete della chiatta e si mise seduta, nuda, senza turbarsi per la presenza di Ionas. Le stive della nave traboccavano di cibo rubato in zona. Faceva molto caldo e quando Haydée attraversò la stanza per rimediare qualcosa da sgranocchiare dentro una giara, Ionas si voltò dall'altra parte

Note[modifica]

  1. Graphic novel tratta dal racconto di Antoine de Saint-Exupéry

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]