John A. Russo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
John A. Russo nella parte di uno zombie in "La notte dei morti viventi"

John A. Russo (1939 — vivente), sceneggiatore e regista statunitense.

Incipit di La notte dei morti viventi[modifica]

Pensate a tutta la gente che è vissuta ed è morta e non vedrà mai più gli alberi, l'erba, il sole.
Tutto sembra così breve, così... inutile, non è vero? Vivere per un po' e poi morire. Tutto sembra ridursi a così poco.
Eppure, in un certo modo, è facile trovarsi a invidiare i morti.
Essi sono fortunati a esser morti, ad aver risolto il problema della morte, e a non dover più vivere. A esser sottoterra, immemori... immemori della sofferenza, immemori della paura di morire.
Essi non sono più costretti a vivere. O a morire. O a sentir dolore. O a portare a compimento qualcosa. O a chiedersi che cosa fare poi. O a chiedersi che cosa si prova a dover morire.

Bibliografia[modifica]

  • John A. Russo, La notte dei morti viventi, traduzione di G.P. Sandri, SIAD, 1978.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]