John Mandeville

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di fantasia di John Mandeville (1459)

John Mandeville (1300? – 1372), scrittore britannico.

Viaggi[modifica]

Incipit[modifica]

Traduzione I[modifica]

La terra d'oltremare detta Terrasanta, o anche Terra Promessa, è fra tutte le terre la più degna, la più eccellente, signora e sovrana d'ogni altra, in quanto è stata benedetta e santificata dal prezioso corpo e sangue di nostro Signore Gesù Cristo.

[Traduzione del "Cotton Text", a cura di Ermanno Barisone, il Saggiatore, 1982.]

Traduzione II[modifica]

Conciò sie cosa che la terra oltramarina, cioè la terra santa di promissione, fra tutte l'altre terre sia la più eccellente e la più degnia e donna sopra tutte l'altre terre, e sia benedetta e santificata e consecrata del prezioso corpo e sangue del nostro signiore Issù Cristo.

[Edizione critica delle versioni italiane del Quattrocento, a cura di Francesco Zambrini, Gaetano Romagnoli, 1870.]

Citazioni[modifica]

  • Benché i greci siano cristiani, la loro dottrina [ortodossa] si differenzia dalla nostra [cattolica]. Essi infatti sostengono che lo Spirito Santo non procede dal Figlio, ma soltanto dal Padre; e non ubbidiscono alla chiesa di Roma né al papa, affermando che il loro patriarca ha tanto potere dall'altra parte del mare quanto il papa ne ha da questa. Perciò papa Giovanni XXII mandò loro diverse lettere per spiegare come la fede cristiana dovesse essere una sola, e come essi dovessero sottomettersi al papa, vicario di Dio sulla terra, al quale Dio aveva dato il potere di legare e di assolvere, e al quale dunque bisognava sottostare. Ed essi gli mandarono diverse risposte, dicendogli fra l'altro: «Potentiam tuam summam circa tuos subiectos firmiter credimus. Superbiam tuam summam tolerare non possumus. Avaritiam tuam summam satiare non intendimus. Dominus tecum; quia Dominus nobiscum est». Il che vuol dire: «Sappiamo bene che il tuo potere è grande sui tuoi sudditi, ma noi non possiamo tollerare la tua grande superbia. Non intendiamo saziare la tua somma avarizia. Che Dio sia con te, come Dio è con noi». E da loro non ebbe altra risposta. (cap. III; 1982)

Bibliografia[modifica]

  • John Mandeville, Viaggi ovvero Trattato delle cose più meravigliose e più notabili che si trovano al mondo, traduzione del "Cotton Text", a cura di Ermanno Barisone, il Saggiatore, 1982.
  • Gio. da Mandavilla, I viaggi, edizione critica delle versioni italiane del Quattrocento, a cura di Francesco Zambrini, Gaetano Romagnoli, Bologna, 1870. (volume I, volume II)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]