Kazuhiro Fujita

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Kazuhiro Fujita al Lucca Comics & Games 2016

Kazuhiro Fujita (1964 – vivente), fumettista giapponese.

Citazioni di Kazuhiro Fujita[modifica]

L'intervista di AnimeClick.it e tutti gli incontri lucchesi del premiato autore di Ushio e Tora

Articolo pubblicato su AnimeClick.it, 21 novembre 2016

  • Parlare delle mie opere è un po' come parlare dei miei figli. Per ognuna di esse, mentre le realizzavo distintamente, è stata la cosa che più avrei voluto fare in quel dato momento. Se dovessi dire quale fra le mie opere mi piace di più ti direi: tutte.
  • Io adoro Dario Argento, mi piace un sacco, ma se facessi un manga con le cose che fa Dario Argento nei suoi film tutte le persone per cui io scrivo manga, ovvero i ragazzini, scapperebbero e smetterebbero di leggermi. Non è questo il mio obiettivo, non è che mi venga imposta una limitazione.
  • Il lavoro di mangaka è fantastico, è un lavoro meraviglioso, certo si lavora tanto, si esce poco, si dorme poco, è molto stancante, però il fatto di rendere felici e di far contenta così tanta gente dà una soddisfazione immensa.
  • Quando scrivo un manga riverso sulla pagina tutto lo stress, la rabbia, il pianto, a seconda della scena che sto facendo tutte queste sensazioni le butto sulla pagina, per esempio su una scena di combattimento ci metto molto trasporto.
  • I miei assistenti sono come una sorta di terapia, una sorta di controllo sulle mie emozioni e il mio trasporto. Durante l'esecuzione delle tavole vanno tutti d'accordo, chiacchierano, tengono alto il morale e allora riesco anche a essere come una macchina a vapore, grazie ai miei assistenti butto fuori il vapore in eccesso per evitare che possa esplodere.
  • Ci sono dei momenti in cui ritorni alle storie che ti sentivi raccontare da bambino, è una cosa che mi piace molto al di là della mia scrittura ordinaria rispetto allo shonen manga[1]. Mi sono ispirato al sentimento infantile.

Note[modifica]

  1. I manga indirizzati a un pubblico maschile, generalmente dall'età scolare alla maggiore età. Per approfondire vedi la voce corrispondente su Wikipedia.

Altri progetti[modifica]