Giuseppe Carlotti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Klito)
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Carlotti (1974 – vivente), scrittore italiano.

Klito[modifica]

  • Ho scelto questo titolo proprio con riferimento al clitoride unico e solo organo femminile concretamente degno di menzione. (p. 24)
  • La televisione condiziona la vita della gente. La televisione è Matrix. (p. 35)
  • Odio i cani. Miserabili quadrupedi che in cambio di un pasto si venderebbero la madre. Animali senza dignità che cacano per casa se non li porti fuori. Che fanno dispetti se non li accarezzi correttamente e che puzzano in modo inverecondo. I cani leccano la merda e i culi degli altri cani. Ergo sono leccaculi patentati. I cani fanno schifo. Piacciono alle persone inette e dovrebbero essere sterminati tutti per essere sostituiti da tonnellate di gatti. Gatti dappertutto. (pp. 35-36)
  • Io ho sempre immaginato la sinistra come un grande cerchio dell'amore di sinistra. Masse di piccoli artigiani metalmeccanici disoccupati gente che non riesce ad arrivare alla fine del mese gente che si stringe attorno a un ideale attorno a un concetto attorno all'idea di rinunciare tutti a qualcosa per vivere un po' meglio tutti. (p. 41)
  • In un locale new age generalmente si trovano persone new age che ascoltano musica new age che vestono in modo new age e che dicono cose new age. Anzitutto per entrare in un locale new age è buona regola attendere le due del mattino. Infatti è solo alle due del mattino che il locale new age prima assolutamente deserto si riempie di persone new age. Secondo in un locale tipicamente new age di solito manca la luce elettrica. Ci sono candele ovunque candele molto new age candele tipo chiesa ceri per defunti lumini lapidi preti neri monaci tibetani e crocifissi dappertutto. (p. 45)
  • Anche perché se il mondo intero è Matrix cioè un'enorme concatenazione di vicende costruite in uno studio televisivo o ricreate al computer è normale che vivere in questo contesto sia un'esperienza globalmente disgustosa no? (p. 49)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]