La maschera di ferro

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

La maschera di ferro

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale The Man in the Iron Mask
Paese Gran Bretagna, Stati Uniti
Anno 1998
Genere avventura
Regia Randall Wallace
Soggetto Alexandre Dumas (padre) (romanzo)
Sceneggiatura Randall Wallace
Attori
Doppiatori italiani

La maschera di ferro, film del 1998 con Leonardo DiCaprio, regia di Randall Wallace.

Frasi[modifica]

  • Il prigioniero con la maschera di ferro non fu mai trovato, tra i suoi carcerieri si vociferava che avesse ricevuto il perdono reale e fosse stato portato in campagna dove avrebbe vissuto tranquillo visitato spesso dalla regina. Il re noto come Luigi XIV portò al suo popolo cibo, prosperità e pace e viene ricordato come il più grande sovrano nella storia di questa Nazione. (Aramis)
  • Quando diventai moschettiere mi fu detto che ogni volta che sguainavo la spada dovevo pensare non chi stavo uccidendo, ma a chi stavo consentendo di vivere [...]. (D'Artagnan a Re Luigi XIV)
  • Io credo che un uomo possa amare una sola donna per tutta la vita... ed esserne felice. (D'Artagnan, dialogo nelle stanze di Re Luigi)
  • D'Artagnan, questi corridoi agiscono per la sicurezza del Re, non per consentire a voi di spaventarmi a morte! (Re Luigi XIV a D'Artagnan)
  • Una volta io, tutti noi, credevamo di dover porre le nostre vite al servizio di qualcosa di ben più grande di noi stessi. Aramis aveva la sua fede, Porthos il suo amore per la vita, D'Artagnan la sua devozione, io, avevo Raoul. (Athos a Filippo)
  • Forse andremo all'inferno ma non questa volta. (Aramis a Porthos)
  • Eri tu che portavi una maschera. (Filippo a D'Artagnan, ormai morto)
  • Preferisco morire coperto di sangue che da vecchio, a letto, nel mio piscio. (Porthos)
  • Athos. Se falliremo in questa impresa... come probabilmente accadrà... sarò onorato di morire accanto a te. (Aramis)
  • È il giorno del giudizio. (Aramis)
  • Sono io il Generale dell'Ordine dei Gesuiti. (Aramis)
  • Sostituiremo Luigi con Filippo. (Aramis)
  • Sono un genio, non un ingegnere! (Aramis)
  • Chiudete questo alienato dove nessuno possa sentire i suoi vaneggiamenti. Che venga nutrito da un sordo-muto, ma ben nutrito... E che trovi la redenzione nel patire le sofferenze che ha inflitto agli altri. (Filippo, parlando di Luigi)
  • Uccidete il mio re, e io ucciderò il vostro. (D'Artagnan)
  • Anna! So che amarvi significa tradire la Francia, ma non amarvi significherebbe tradire il mio cuore. (D'Artagnan)
  • Invece ha molto a che fare! Il re è un cane! Un cane e un codardo! (Athos, parlando delle intenzioni seduttrici di Re Luigi nei confronti di Christine, fidanzata di suo figlio Raoul)
  • Sei tu il traditore. (Athos a D'Artagnan)
  • Uno per tutti. Tutti per uno. (Athos)
  • Qualunque sia il piano, io sono con te. (Athos ad Aramis)
  • Adoro Parigi, adoro la vita, e adoro voi, signore! (Porthos)
  • Siamo in una tomba? (Porthos)
  • Di tutte le bellezze che ho visto, nessuna è comparabile a voi. (Re Luigi XIV a Christine)
  • Quanto a te, caro fratello, te ne torni alla prigione, e alla maschera che odi. A forza di portarla ti piacerà! E ci morirai. (Re Luigi XIV a Filippo)
  • Che incredibile audacia. (Luogotenente Andre parlando dei tre moschettieri)
  • Per tutta la vita, non ho desiderato altro che poter... essere lui. (Luogotenente Andre, parlando di D'Artagnan ormai morto, mentre punta la spada contro Luigi)
  • La prossima volta che ci incontreremo, uno di noi morirà. (Athos)
  • D'Artagnan io non ho mai conosciuto uomo migliore di te e né avuto un amico più caro. Ma se questo re fa del male a mio figlio solo per prendersi un'amante allora questo re diventerà mio nemico e così pure qualsiasi uomo si metta tra quel nemico e me. (Athos)
  • Era il migliore di noi. (Athos, riferendosi a D'Artagnan)
  • Athos. Dopo tutto quello che avete fatto, devo chiedervi un altro favore. Concedetemi di amarvi come un padre. E prego che viviate per questo: per amarmi come un figlio. (Filippo)
  • Quanto sto per narrarvi in parte è leggenda ma una cosa almeno è realtà quando i cittadini francesi insorti distrussero la bastiglia scoprirono nei suoi archivi questa misteriosa inscrizione "Prigioniero numero 64389000--L'uomo dalla maschera di ferro."(Aramis)
  • Non uccideteli, se potete. (D'Artagnan)

Dialoghi[modifica]

  • [D'Artagnan incontra la regina Anna in lacrime nella cappella. I due si abbracciano, poi incominciano a baciarsi]
    D'Artagnan: No! No! Se ci vedessero, sarebbe la morte!
    Regina Anna: Se non ti bacio morirò comunque.
    [Si baciano]
    D'Artagnan: Non sopporto vederti piangere... per favore, dimmi cos'è successo.
    [Lei si allontana senza rispondere]
    D'Artagnan: Anna! So che amarvi significa tradire la Francia ma non amarvi significherebbe tradire il mio cuore...
    Regina Anna: Allora moriremo entrambi da traditori.
  • Christine: Sono solo fedele al mio cuore.
    Re Luigi: E quanto è fedele questo cuore a voi?!
  • D'Artagnan: Non posso tradire il mio re. Lo difenderò con la vita.
    Aramis: Allora Dio sia con te, perché nessuno di noi lo sarà.
  • Christine: Ho peccato contro l'amore e contro Dio e brucerò all'inferno... e anche voi.
    Re Luigi: No, amore mio, voi brucerete all'inferno, ma io no. Perché io sono il re. Ordinato da Dio!
  • Filippo: Mi dispiace, ho fallito.
    Athos: Noi abbiamo fallito.
  • Re Luigi XIV: Chi è?
    Francois: Raoul, il figlio di Athos.
    Re Luigi XIV: Le vostre preferenze andranno ai giovani soldati, ma io mi riferivo alla bellezza che è accanto.
    Francois: Si chiama Christine.
  • Aramis: Quando eravamo giovani e vedevamo le ingiustizie, combattevamo.
    D'Artagnan: Ora ci sono questioni che non possono essere risolte con una spada.
    Athos: E altre non possono essere risolte senza.
  • Aramis: Luigi mi ha ordinato di scoprire la vera identità del Generale dell'Ordine dei Gesuiti e ucciderlo.
    Porthos: Lascia che sia il generale segreto a preoccuparsi.
    Aramis: Il problema è che sono io.
  • Athos: Che cosa proponi di fare?
    Aramis: Sostituire il re.
  • D'Artagnan: Siete sempre circondato da donne meravigliose. Amate qualcuna di loro?
    Re Luigi XIV: Molto spesso, in realtà.
  • Re Luigi XIV: D'Artagnan, io sono un re giovane... ma sono un re.
    D'Artagnan: Allora siate un buon re, Maestà.
  • Aramis: Vi stiamo offrendo la possibilità... di essere re.
    Filippo: No. Voi mi state offrendo di sostituirmi a un re. Un re che odiate.
  • Filippo: Sapevo che sareste tornati.
    Aramis: Temevo che la maschera vi avrebbe ucciso.
    Filippo: Mi nasconde, ma non mi uccide.
  • Aramis: D'Artagnan, sono giovani moschettieri. Sono cresciuti nella nostra leggenda. Ci venerano. E questo è un vantaggio.
    Porthos: Sì. Perché non li attacchiamo?
    D'Artagnan: Ho addestrato io questi uomini. Si batteranno fino alla morte. Ma se dobbiamo morire... se noi dobbiamo morire... meglio morire così.
    Athos: Uno per tutti. Tutti per uno.

Altri progetti[modifica]