Laura Aga-Rossi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Laura Aga-Rossi (–), scrittrice, saggista e critica italiana.

La mistica del segno[modifica]

Incipit[modifica]

Al poeta impeccabile | al perfetto mago delle lettere francesi | al mio carissimo e veneratissimo Maestro e Amico | Théophile Gautier | con la più profonda umiltà | dedico | questi fiori malsani. È certo che questa dedica, posta da Baudelaire a Les Fleurs du Mal, resterà monumento ineguagliabile alla gloria di Gautier per essere stato maestro di un maestro. Notevole comunque anche il giudizio di Rimbaud, il più selettivo (poche le sue pagine sulla letteratura, rari i nomi), che nella sua famosissima Lettera del Veggente, dopo innumerevoli generazioni idiote, dopo i primi romantici, veggenti sì, ma senza troppo rendersene conto, pone, primo tra i secondi romantici, «molto veggenti», Théophile Gautier. Fu dunque chiamato mago e veggente da due poeti considerati l'uno l'iniziatore della poesia moderna, l'altro la pietra miliare, l'annunciatore di ogni invenzione poetica di questo nostro secolo e che, come giàdisse Breton, ha reso impossibile ogni ritorno indietro.

Citazioni[modifica]

  • Se volessimo condensare in un sol rigo la poetica di Gautier basterebbe dire che in lui il particolare si fa immagine e l'immagine si fa visione. Poeta e pittore, infatti, sono tutt'uno nell'antica quanto moderna concezione dell'arte del fare e in lui in particolare è il supporto necessario del suo grande affresco mentale. (p. 8)
  • Ideale di Bellezza, la costante di Gautier, che gli imporrà la realizzazione della sua idée secrète, l'Art pour l'Art, ideale che non può ambientarsi nell'oscuro mondo medievale (all'epoca già quasi luogo comune) fatto di superstizione, ultimo residuo di credenze religiose basato sull'ignoranza, ma in quello luminoso e vitale dell'antichità, degli antichi miti. (p. 9)

[Laura Aga-Rossi, La mistica del segno, prefazione a Théophile Gautier, Il romanzo della mummia, BEN, 1995. ISBN 88-8183-158-9]