Laura Lanza

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Presunto sarcofago della Baronessa di Carini nella cripta Lanza della chiesa di Santa Cita, Palermo, 2018

Laura Lanza di Trabia, più nota come la Baronessa di Carini (1529 – 1563), nobile italiana.

Citazioni su Laura Lanza[modifica]

  • Intanto i protagonisti: il padre è don Cesare Lanza, conte di Mussomeli; la vittima si chiama Laura Lanza di Trabia, moglie del barone di Carini, Vincenzo La Grua-Talamanca. Le due famiglie appartenevano al rango della nobiltà siciliana di origine catalana. L’amante è Ludovico Vernagallo, cugino del barone di Carini. Il tradimento ci fu, ma il barone «cornuto» e il padre fingevano di ignorare che la giovane abitualmente cenava e dormiva con l’amante, dal quale aveva già diversi figli. L’incarico dell’omicidio fu assegnato in un primo tempo al marito, il quale fallì il tentativo: il primo sparo richiamò diversa gente nella camera in cui la baronessa fu sorpresa con il Vernagallo. A quel punto, sopraggiunse il padre, don Cesare, che uccise brutalmente amante e figlia con un archibugio. Perché? Dovendo del denaro al povero Vernagallo, don Cesare non trovò di meglio, per estinguere il debito, che eliminarlo. E la figlia? L’eliminazione dell’adultera serviva a occultare la vera ragione del delitto. Tutt’altro che una questione d’onore offeso. La giustizia spagnola del Regno di Sicilia chiuse un occhio, anzi due, e l’assassino se la cavò senza pena. (Paolo Di Stefano)

Altri progetti[modifica]