Leo Chiosso

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Leo Chiosso nel 1962

Leo Chiosso (1920 – 2006), autore televisivo, drammaturgo e paroliere italiano.

Citazioni di Leo Chiosso[modifica]

  • [In occasione della morte di Fred Buscaglione] Piazza Cavour, il muro del giardino, | la panchina deserta di contrasti, | la finestra più bassa dove dorme | la mamma innamorata di Puccini, | tutto è fermo nel giorno. || L'archetto si è sfrangiato nel cantare | troppo acuto di urgenze non espresse ancora | dal tuo fragile violino | nell'urlo di una Thunderbird ferita. || Canteremo da soli il tuo ricordo.[1]

Collaborazioni[modifica]

Note[modifica]

  1. Citato in Maurizio Ternavasio, Il grande Fred: Fred Buscaglione, una vita in musica, Edizioni Lindau, p. 23. ISBN 88-6708-132-2

Altri progetti[modifica]