Lolita Pille

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Lolita Pille (1982 — vivente), scrittrice francese.

Incipit di Hell[modifica]

Sono una troia. Di quelle insopportabili; della peggior specie, una troia del XVI arrondissement, più agghindata dell'amante del tuo capo. Se sei cameriere in un posto "in" o commesso in una boutique di lusso, come minimo ci vuoi vedere morte, a me e a quelle come me. Ma siccome non si uccide la gallina dalle uova d'oro, la mia razza insolente perdura e prolifera...
Sono il simbolo eclatante della persistenza del modello marxista, l'incarnazione dei Privilegi, il profumo inebriante del Capitalismo.
Da degna ereditiera di generazioni di donne di mondo, passo più tempo io a limarmi le unghie, a farmi bella al Comptoir du Soleil o in un salone di bellezza col culo su una poltrona e la testa tra le mani di Alexandre Zouari, o a farmi tutte le vetrine del Faubourg Saint-Honoré, che tu a lavorare per far fronte ai tuoi umili bisogni.
Sono un puro prodotto della Think Pink Generation. Il mio credo? Sii bella e consuma.

Bibliografia[modifica]

  • Lolita Pille, Hell, traduzione di Stefania Ricciardi, Fazi Editore, 2009. ISBN 9788881123223

Altri progetti[modifica]