Manon (Massenet)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Manon, opera lirica in quattro atti e cinque quadri di Henri Meilhac e Philippe Gille, musica di Jules Massenet. Il soggetto dell'opera è tratto dal romanzo di Antoine François Prévost, Histoire du Chevalier Des Girieux et de Manon Lescaut (1731). L'opera lirica fu rappresentata per la prima volta al teato dell' Opéra Comique di Parigi il 19 gennaio 1884.

Incipit[modifica]

La gente: Udiste la campana?
L'ora non è lontana
Che il cocchio arriverà
E per vedere chi giunge noi siamo qua.
Lescaut: Questa è la trattoria
Dove il cocchio d'Arras viene a sostar.
Guardie: È proprio qui.
Lescaut: Buon dì.
Guardie: Ma questa è una follia!
Lescaut, ci vuoi lasciar?
Lescaut: Mainò! Mainò! – La taverna vicina
Ha un buon vinetto – a prezzo buon.
Vo ad aspettar – una cugina
E poi dei vostri – ancora son!
Guardie: Noi ci contiam.
Lescaut: Per bacco, olà, – Insulti a me?
Guardie: Lescaut.
Lescaut: Va ben. Perderei la memoria,
Se c'è da far baldoria?
Sta ben – andate a berne un sorso.

[H. Meilhac e P. Gille, Manon, Opera in quattro atti e cinque quadri, musica di J. Massenet, Casa Editrice Floreal Liberty di Rossi Arturo, .]

Altri progetti[modifica]