Marco D'Arienzo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Marco D'Arienzo (1811 – 1877), librettista d'opera italiano.

Citazioni di Marco D'Arienzo[modifica]

  • Magnammo, amice mieie, e po' vevimmo, | nzi' c’arde lo locigno a la cannela; | pecche' st’ora de[1]spasso che tenimmo | scappa, comme pe mare fa la vela. || Nnce simmo mo: vedimmoncenne bene! | Lo presente è nu sciuscio[2], e nun se vede; | lo passato è passato, e cchiu' nun vene; | e a lo dimane chi nce mette pede?[3]

Note[modifica]

  1. Le, nel testo, che è un refuso per: de.
  2. Soffio.
  3. Dal "Menu del Supremo Ordine del Pignato Grasso", riportato, in copia anastatica su pagine non numerate comprese fra p. 240 e p. 241, da Vittorio Gleijeses Feste, Farina e Forca, prefazione (all'edizione del 1976) di Michele Prisco, Società Editrice Napoletana, Napoli, 19773 riveduta e aggiornata. Il testo citato è nella terzultima delle pagine non numerate.

Altri progetti[modifica]