Maria di Francia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maria di Francia raffigurata mentre presenta il proprio libro ad Enrico II d'Inghilterra.

Maria di Francia (seconda metà del XII secolo – ...), poetessa francese.

  • Come accade al caprifoglio | che al nocciolo s'attacca: | quando vi si è intrecciato e avvolto | e tutt'attorno al tronco s'è messo, | assieme possono vivere a lungo; | ma poi quando si tenti di separarli, | subito muore il nocciolo | e insieme il caprifoglio. | «Amica, così ne è di noi: | non te senza me, non io senza te».
cume del chevrefoil esteit | ki a la codre se perneit: | quant il s'i est laciez e pris | e tut entur le fust s'est mis, | ensemble poënt bien durer; | mes ki puis les volt desevrer, | li codres muert hastivement | e li chevrefoil ensement. | «bele amie, si est de nus: | ne vus sanz mei, ne mei sanz vus!» (Dal Lai du Chèvrefeuille, vv. 69-78)
  • Le notti, quando splendeva la luna | e suo marito era a letto, | si alzava dal suo fianco | e indossava il mantello; | andava a mettersi alla finestra | per il suo amico; sapeva | che faceva la sua stessa vita | e la notte per lo più vegliava. | Provavano piacere a vedersi, | giacché di più non potevano avere. | Tanto si affacciò e tanto si alzò | che suo marito andò in collera | e più volte le chiese | perché si alzava e dove andava. | «Sire, risponde la dama, | non prova gioia in questo mondo | chi non sente cantare l'usignolo. |È per questo che vado a mettermi lì. | Così dolcemente l'ascolto la notte | che mi sembra una struggente delizia; | tale piacere ne provo e tanto desiderio | che non posso chiudere occhio». | Quando il maritò udì le sue parole, | ghignò d'ira e di collera. | Meditò una soluzione: | intrappolare l'usignolo.
Les nuiz, quant la lune luseit | E ses sires cuchiez esteit, | De juste lui sovent levot | E de sun mantel s'afublot; | A la fenestre ester veneit | Pur sun ami qu'ele saveit | Qu'autreteu vie demenot | E le plus de la nuit veillot. | Delit aveient al veeir, | Quant plus ne poeient aveir. | Tant i estut, tant i leva | Que ses sires s'en curuça | E meintefeiz li demanda | Pur quei levot e u ala. | «Sire, la dame li respunt, | Il nen ad joië en cest mund | Ki n'ot le laüstic chanter. | Pur ceo me vois ici ester. | Tant m'i delit e tant le voil | Que jeo ne puis dormir de l'oil». | Quanto li sire ot que ele dist, | D'ire e de maltalent en rist. | D'un chose se purpensa: | Le laüstic enginnera. (Dal Lai dell'Usignolo, vv. 69-94, trad. G. Angeli)[1]

Note[modifica]

  1. In Poesia straniera. Francese, a cura di Michela Landi, introduzione di Ruggero Campagnoli, La Biblioteca di Repubblica, Roma, 2004, pp. 138-141.

Altri progetti[modifica]