Marie Corelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Marie Corelli, 1909

Marie Corelli, nome d'arte di Mary Mackay (1855 – 1924), scrittrice e poetessa britannica.

Incipit di Ziska. La strega delle piramidi[modifica]

La Grande Piramide si ergeva buia contro il cielo, e sulla sua punta era sospesa la luna. Come un relitto scagliato a riva da una tempesta titanica, la Sfinge, a riposo tra le onde sinuose della sabbia grigiastra che la circondava, per una volta sembrava in uno stato di dormiveglia. Il volto solenne che impassibile aveva visto gli anni andare e venire, gli imperi sorgere e tramontare e generazioni di uomini vivere e morire, parve abbandonare per un istante la sua tipica espressione di saggezza speculativa e di sdegno profondo, lo sguardo gelido sembrò abbassarsi, la bocca austera accennare un sorriso. L'aria era ferma e soffocante, e nessuna presenza umana disturbava il silenzio.

Bibliografia[modifica]

  • Marie Corelli, Ziska. La strega delle piramidi, traduzione e postfazione di Marco Bisanti, Castelvecchi Editore, 2011. ISBN 9788876155185

Altri progetti[modifica]