Marjorie Kinnan Rawlings

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Marjorie Kinnan Rawlings

Marjorie Kinnan Rawlings (1896 – 1953), scrittrice statunitense.

Le mele d'oro[modifica]

Incipit[modifica]

Un pettirosso trillò fra le foglie scarlatte della madreselva contro il bianco muro di cinta del cimitero. Il piccolo quadrato di terreno, un miglio ad est del villaggio contadino di Purley, si apriva in una radura nel cuore della giungla. Querce e magnolie, palme e liquidambar erano stati abbattuti e le ceppaie divelte, per far posto ad uomini e donne che non avevano più bisogno dela foresta né d'altro e non chiedevano pace. Il gruppetto raccoltosi ai funerali d Luca Brinley e di sua moglie si avvicinò strascicando i piedi alla grande fossa aperta. Il pettirosso sventagliò la coda, spiccò il volo verso un gelso selvatico presso l'entrata del cimitero, e ne frugò i rami in ansiosa ricerca di bacche.

Citazioni[modifica]

  • È essenziale essere giusto verso gli altri. Ma ci vogliono anni ed anni di vita, per capire che bisogna lasciar correre, quando sono gli altri ad essere ingiusti verso di noi. (p. 121)
  • Un pesce che non morde a un'esca insolita, deve avere una mentalità ben ristretta. (p. 156)

Incipit de Il cucciolo[modifica]

Dal comignolo della casupola il fumo saliva sottile, verticale, cilestrino contro la terra rossa, ma grigio contro l'azzurro del cielo d'aprile.[1]

Note[modifica]

  1. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Bibliografia[modifica]

  • Marjorie Kinnan Rawlings, Le mele d'oro (Golden Apples), traduzione di Bruno Maffi e Edoardo Canali, Valentino Bompani, 1941.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]