Mary e Carol Higgins Clark

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Mary Higgins Clark.

Testi scritti da Mary Higgins Clark e Carol Higgins Clark.

Incipit di Ti ho guardato dormire[modifica]

Non c'è niente di peggio che assistere ai preparativi per una grande festa a cui non si è stati invitati. Ed è addirittura terribile, pensava Sterling Brooks, se la festa si tiene in paradiso. Da quarantasei anni terreni era costretto ad aspettare nella sala d'attesa celeste, appena fuori dei cancelli del paradiso. Ora sentiva il coro provare i canti che avrebbero dato inizio alle celebrazioni della vigilia di Natale.
Tu scendi dalle stelle...
Sterling sospirò. Aveva sempre amato quella canzone. Si guardò intorno. Le file di panche erano affollate di anime in attesa di essere convocate alla presenza del Consiglio Celeste. Bisognava rispondere di ciò che si era fatto o si era omesso di fare, in vita, prima di venire ammessi in paradiso.
Sterling era lì da più tempo di chiunque altro e si sentiva un po' come quei bambini che le madri dimenticano di andare a prendere a scuola. Di solito si sforzava di mostrarsi allegro e cordiale, ma negli ultimi tempi si sentiva più solo e triste.

Bibliografia[modifica]

  • Mary Higgins Clark & Carol Higgins Clark, Ti ho guardato dormire (He Sees You When You're Sleeping), traduzione di Maria Barbara Piccioli, Sperling & Kuppfer Editori, Milano 2002.