Michael Marshall Smith

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Michael Marshall Smith, conosciuto più semplicemente come Michael Marshall (1965 – vivente) scrittore e autore di fantascienza britannico.

Il libro dei numeri irrazionali[modifica]

Incipit[modifica]

Una bella pagina pulita. Pagina tre. 3 x 3 = 9, dunque 0. L'inizio. Quando comincio un quaderno nuovo non uso mai la prima pagina, perché si sa già che finirà per rovinarsi. La lascio sempre bianca su tutti e due i lati e comincio a lavorare sul secondo foglio, più protetto dallo sporco. Solitamente uso i quaderni per i miei hobby. Ho voglia di scrivere qualcosa di diverso, stavolta. Non so esattamente come fare. Bla bla bla, parole parole parole. Le lettere devono pur ammontare a qualcosa, ma non sono sicuro cosa sia. Scrivere qualcosa ha l'effetto immediato di renderla una notizia di ieri. Eppure non c'è nulla che in realtà sia una notizia di ieri. La maggior parte delle cose sta ancora accadendo. Oggi è stata una giornata discreta, come gran parte delle altre. Mi ero impegnato a tinteggiare l'esterno di una casa dall'altra parte della cittadina e ho finito quasi tutto il lavoro di preparazione al mattino, ma poi è cominciato a piovere e ho dovuto lasciar perdere.

Explicit[modifica]

Domani sera, alle otto, sono atteso a un indirizzo poco fuori Roanoke. Per riparare un tetto. Un favore per un'amica. Nient'altro.

Bibliografia[modifica]

  • Michael Marshall Smith, Il libro dei numeri irrazionali (The book of irrational numbers, 1999), traduzione di Francesco Di Foggia, in 666. Nuovi racconti inediti per un millennio da brivido, Sperling & Kupfer Editori, 2000. ISBN 9788820030049

Altri progetti[modifica]