Michel Francet

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Michel Francet (-), storico francese.

"Commandos" ovvero la guerra lampo nella storia dell'umanità[modifica]

  • La vasta e superba facciata di pietra che si erge a Karnak, nell'Alto Egitto, molto vicino alle celebri nilotiche di Luxor e di Tebe, narra ancor oggi la più vecchia cronaca di guerra che l'antichità ci abbia tramandato. Questa imponente muraglia del tempio di Amon-Ra, interamente ricoperta di geroglifici, è nota tra gli archeologi, con il nome di «Annali di Thutmosi III». Grazie alle annotazioni prese giorno per giorno dagli scribi di questo quinto faraone della XVIII dinastia, la muraglia ci dà notizia delle 16 campagne condotte dal sovrano egizio quindici secoli prima della nostra era.
  • Manakhpiriya Thutmose, detto Thutmosi III, si trovò a dover pacificare un'immensa regione che si estendeva dal Nord fino alla riva destra dell'Eufrate e, ad Ovest, fino alle isole del Mar Egeo. Per ottenere un tale scopo gli ci vollero non meno di diciannove anni di aspre battaglie.
  • Le truppe del faraone riuscirono così ad assediare 330 principi, ciascuno alla testa del suo esercito, sempre che sia vero ciò che è scritto u di una stele eretta in seguito a Nàpata, in Nubia, a confini meridionali dell'impero.


[Michel Francet, "Commandos" ovvero la guerra lampo nella storia dell'umanità, (Les coups d'éclat des commandos, Editions Jean-Claude Simeon, 1977), Historia, n. 245, luglio 1978, Cino del Duca]