Michele Colombo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Michele Colombo (1747 — 1838), scrittore italiano.

Incipit di Ragionando intorno all'eloquenza de' prosatori italiani[modifica]

Qualora io penso a quel detto di Antonio rapportato da Quintiliano[1], che tra gli Oratori molti gli eran sembrati facondi, nessuno eloquente, non posso a meno di formare dell'eloquenza un concetto così sublime, che il cimentarmi a ragionare di essa, piuttosto che ardimento, mi pare temerità. Ad ogni modo, invitato ancor io dall'ineffabile cortesia dell'egregio Presidente a presentare a cotesto illustre Ateneo qualche frutto del mio povero ingegno, indotto io sono dalla stessa altezza dell'argomento a trattare anzi di questo, che d'altro, perciocché, così facendo, io vengo ad offerirgli un lavoro, se non per sé medesimo, almeno per la materia, degno certamente di sì nobil Consesso.

Note[modifica]

  1. Instit. Lib. VIII proem.

Bibliografia[modifica]