Mischa Hiller

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Mischa Hiller (1962 — vivente), scrittore britannico.

Incipit di Fuga dall'inferno – Una storia palestinese[modifica]

Ero seduto sul posto del passeggero della Mercedes gialla del '66, e mi tenevo stretto alla cintura di pelle. Samir guidava troppo veloce per le strade piene di buche del campo profughi di Sabra, come se stesse ancora scarrozzando qualche pezzo grosso dell'OLP. Mi aggrappai alla cinghia con entrambe le mani, scivolando lungo il sedile di pelle consunta mentre sterzavamo per imboccare una via laterale, con lo stomaco che si vendicava per la quantità di alcol che avevo ingurgitato la notte prima. Guardai fuori dal finestrino per combattere la nausea, tentando di concentrarmi sul paesaggio che mi scorreva davanti agli occhi. Non ero mai sicuro di quale fosse il punto di passaggio dalla città al campo profughi, né se esistesse un confine riconosciuto. Credo semplicemente che da un certo tratto in poi le case diventassero più piccole, meno solide, i muri di calcestruzzo non intonacati. La strada non era asfaltata, e in giro si vedevano molti più tetti coperti di lamiera ondulata.

Bibliografia[modifica]

  • Mischa Hiller, Fuga dall'inferno – Una storia palestinese, traduzione di Silvia Montis, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854121348

Altri progetti[modifica]