Niccolò Campriani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Niccolò Campriani (1987 – vivente), tiratore italiano.

Citazioni di Niccolò Campriani[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Le Olimpiadi devono essere una ispirazione per i giovani, per quelli che sono i valori olimpici. Si vive ancora quello che è lo sport, dai ragazzini che vengono per la prima volta al poligono, fino a questi livelli. Forse qualcuno in più in Italia oggi sa che esiste il tiro a segno.[1]
  • [Riferito a Matthew Emmons, medaglia di bronzo] I campioni non si riconoscono da quante gare vincono, ma da come si rialzano dopo una sconfitta. Matt è sempre stato una fonte d'isipirazione per me, un modello da seguire. Sono orgoglioso che sia seduto qui accanto a me.[1]
  • [Riferito al tiro a segno] Non è come il piattello che se fai uno zero resti primo. Qui basta un colpo sbagliato e addio primo posto.[1]
  • [Dopo aver vinto la medaglia d'oro nella carabina 10 metri] Sono arrivato ad odiare questo sport ma grazie a questo sport sono stato di più vicino a mio padre e oggi il mio primo pensiero va a lui, a mia madre e a tutti quelli che mi sono vicini.[2]

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Massimo Oriani, Campriani, carabina d'oro! Petrucci: "Atleta ideale", Gazzetta.it, 6 agosto 2008.
  2. Citato in Rio 2016, Tiro a Segno: Campriani è campione olimpico, Tuttosport.com, 8 agosto 2016.

Altri progetti[modifica]