Ninna nanne italiane

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera italiana

Ninna nanne dell'Italia

Ninna nanne[modifica]

  • Fate la nanna coscine di pollo, | la vostra mamma vi ha fatto un gonnello, | e ve l'ha fatto con lo smerlo in tondo, | fate la nanna coscine di pollo. || Dormi, dormi coscine di pollo, | che la mamma cuce il gonnello; | te lo cuce con tutto il contorno. | Dormi, dormi coscine di pollo.[1]
  • Ninna nanna ninna o, | questo pupo a chi lo do? | Lo darò alla befana | che lo tiene una settimana, | lo darò all'uomo nero | che lo tiene un anno intero, | lo darò alla sua mamma | che gli canta la ninna nanna.[2]
  • Stella stellina | la notte si avvicina | la fiamma traballa | la mucca è nella stalla, | la pecora e l'agnello | la vacca col vitello | la chioccia coi pulcini | la gatta coi gattini | e tutti fan la nanna | nel cuore della mamma.[1]

Valborberine[modifica]

  • Din-don, din-don, u ninì l'è intù barcún; de intù barcún l'é satò intà chinna: u ninì u fa a nannina.[3]
Din-don, din-don, il bambino è dalla finestra; dalla finestra è saltato nella culla: il bambino fa la nanna.
  • Fa a nanna pupun de pessa, che a mamma l-é 'ndeta a messa, u papà u ghé 'ndetu aši e cun ti ghé son ču mi. Fa a nanna pupun de pessa ghé a mamma l-é 'ndeta a messa, u papà à benedisciun e u ti purtià a cà u bunbun.[3]
Fa' la nanna bambino di pezza, che la mamma è andata a messa, anche il papà ci è andato e con te sono rimasto soltanto io. Fa' la nanna, bambino di pezza, che la mamma è andata a messa, il papà alla benedizione e ti porterà a casa i dolci.
  • San Gaitan mandeige u sógnu, ghé e mè ninnì ge n-à beseugnu. San Gaitan u-g-ù mandià... e u me ninni drumiá![3]
San Gaetano mandategli il sonno, perché il mio bambino ne ha bisogno. San Gaetano glielo manderà... e il mio bambino dormirà!

Siciliane[modifica]

  • Figghiu mio, ti vogghiu beni: | tu si' 'a lapuzza e io sugnu lu meli. | Figghiu mio, quantu ti stimu! | Quantu Maria a Gesu Bamminu. | Figghiu mio, ti stimu assai! | Tu si' lu suli, li stiddi e li rrai | Figghiu mio, figghiu d'amari: | la naca ti cunzai p'arripusari. | E a-la-vò![4]
  • Guardati stu’ figghiu | guardati quant’è beddu | dormi dormi | dormi cuntentu | cà chista è l’ura, | chistu è lu momentu | e veni, veni sonnu | e veni pigghiatillu | a stu’ figghiuzzu meo piccilirillu.[5]
  • Ti vuscai 'na cammmisedda, | ti la vogghiu lavurari: | si tu vôi chi ti la spieddu, | cerca un poco arripusari.[6]

Note[modifica]

  1. a b Citata in Ninnananne italiane, Lullabies of Europe.org.
  2. Citato in Piergiorgio Todeschini e Primarosa Bosio, Insegnare con i concetti la musica, FrancoAngeli, 2007, p. 96. ISBN 8846483529
  3. a b c Da In Novitate, a cura di Enrico Bergaglio, Centro Studi "In Novitate", Anno XVI, Fascicolo n. 31, Maggio 2001, Novi Ligure, pp. 83-84
  4. Citato in Giuseppe Pitrè, Canti popolari siciliani, vol II, Luigi Pedone-Lauriel, Palermo, 1871, p. 1, § 727.
  5. Citato in Stefania Auci, I leoni di Sicilia, Editrice Nord, Milano, 2019, p. 47. ISBN 9788842931539
  6. Citato in Canti popolari siciliani, p. 12, § 571.

Voci correlate[modifica]