One Tree Hill (settima stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

1leftarrow blue.svgVoce principale: One Tree Hill.

One Tree Hill, settima stagione.

Episodio 1, 7 anni James[modifica]

  • Haley: Buon compleanno! Incredibile, hai già quattro anni!
    James: Sette!
    Haley: Ti accontenti di cinque?
    James:"No!
    Haley: Potrei nutrirti a caffè e sigarette così non cresci più.
  • "Un giorno quando sarà grande e ripenserà ai suoi momenti più belli, penserà a oggi. Perché era felice, era protetto, ed era amato. È un gran bel regalo, sai?" (Clay)
  • Brooke: "Ti ricordi com'eravamo all'inizio? Anche se non ci vedevamo, ci sentivamo sempre, e mi si fermava il cuore ad ogni messaggio, ad ogni squillo del telefono... perché vedi, io speravo che fossi tu."
    Julian: "Per me era la stessa cosa."
  • "Il perdono non è mai facile, è facile l'amarezza, ancor più facile l'odio. Ma perdonare è difficile. A volte si dicono cose che non si pensano o si fanno cose che non si possono cancellare. Si, a volte si fanno cose che non si possono cancellare, e continuiamo a farle per soffocare il dolore. Tutti hanno paura di qualcosa. Io avevo paura, stavo morendo. Ma di fronte alla disperazione ebbi una rivelazione: quel che ho fatto è quel che sono, ma quel che ho fatto non è quel che sarò. Sono passati quasi 37 milioni di secondi, 10 mila ore signori; 14 mesi da quando ho compreso che quello che ho fatto non è quello che veramente sono. Liberatevi dal peso degli errori passati e il vostro cuore diventerà più forte, io lo sono bene: il mio doveva cedere molto tempo fa. Ma questo non cancellerà ciò che avete fatto. Il vostro passato è lì fuori e ha la memoria lunga." (Dan)
  • Brooke: "Ho paura Julian. E se sparisse tutto?"
    Julian: "Di che parli, Brooke?"
    Brooke: "La sensazione che provo nel rivederti dopo un mese; il dolore che sento quando stai per andare via. Non voglio che svaniscano."
    Julian: "Non accadrà, puoi starne certa."

Episodio 2, Fulmine a ciel sereno [modifica]

  • "Voi ora non avreste Mia Catalano se non fosse stato per questa etichetta. Non avreste il tempo, la pazienza, o l'interesse di far crescere un talento come il suo. Questo fanno le etichette piccole, allevano e affinano gli artisti, quello che le grosse società non fanno." (Haley)
  • "Mio padre come sai era sempre fuori, sempre su un set all'estero o in ufficio a produrre film. Ma una volta venne a casa e mi sorprese, mi portò a vedere "La sottile linea rossa". Restammo insieme per tutta la giornata, solo lui ed io. Non succedeva molto spesso; a dirla tutta non è più successo, mai più. Ma quel giorno... quello è stato forse il più bello che abbia passato con lui." (Julian)
  • Miranda: "Perché Peyton l'ha creata? Che c'è di personale?"
    Haley: "Diceva che le grandi Major non hanno anima."
  • Brooke: "Sa, per tutta la vita ho cercato di rendere mia madre fiera di me e poi una sera Julian ha fatto si che si allontanasse dalla nostra vita, e ora io vorrei fare lo stesso con lei, ma non so se avrebbe un senso.
    Paul: "Sei sconvolta."
    Brooke: "Ho un brutto poster di un film di guerra appeso nel soggiorno Paul, certo che sono sconvolta. E l'unica ragione per cui è lì ora, è che lei un giorno ha portato Julian a vedere quel film. E in quell'unico giorno il piccolo Julian si è sentito vicino a suo padre; lui si è sentito amato e apprezzato da lei. E la cosa più triste è che in tutta la sua vita ci sia stato solo un giorno così. Mentre a mio parere era un suo dovere Paul farlo sentire così tutti i giorni dell'anno."
  • "Ci siamo persi. Abbiamo smesso di ridere come prima, di amarci come prima." (Quinn)
  • Haley: "La gente ha il diritto di cambiare, Quinn."
    Quinn: "Ma uno avrà anche il diritto di restare uguale, chiedo troppo? Il diritto di essere esattamente la persona che è sempre stata. Io non sono cambiata, è David che è cambiato e non so perché questo mi ha fatto a pezzi dentro."

Episodio 3, L'offerta [modifica]

  • "Credo che per noi, parte del problema fosse capire a cosa rinunciare pur di rendere felice l'altro." – Quinn
  • Quinn: "Però, sei un bel tipo: mia sorella in lacrime, mio cognato è semi-disoccupato e tu fai il cretino con una scema al bar."
    Clay: "Wow, tuo marito starà ballando dalla gioia."

Episodio 4, Colpo basso [modifica]

  • Haley: "Per tua informazione dentro ai cereali c'è tutto quello che ti serve."
    Quinn: "È questo il punto: possono avere quello che mi serve ma forse non è quello che voglio."
  • Victoria: "Oh, l'ex attrice che paghiamo troppo."
    Alex: "Ora ricordo, Milli mi ha detto tutto di te: eri la strega che comandava qui ma ora sei solo una strega disoccupata."
  • James: "Jack dice che avrò un fratellino."
    Nathan: "Ti prometto che se mai avrai un fratellino sarà da me e la mamma."
    James: "Perché lo dicono?"
    Nathan: "Perché a volte le persone cattive confondono giusto e sbagliato. E cercano di approfittare delle persone che invece sono buone, come noi."
    James: "Tu l'hai fatto?"
    Nathan: "No, e sai perché? Perché quando mi capita di essere confuso, guardo questa foto di te e la mamma e mi ricordo cosa è più importante per me. Così ho sempre fatto la cosa giusta."

Episodio 5, Conclusioni affrettate[modifica]

  • Nathan: "Stai cominciando a crederle Haley, non è così?"
    Haley: "Ma no, è solo che non capisco perché dovrebbe inventarsi tutto. Insomma, se è falso verrà fuori quando il bambino nascerà; quindi per quale ragione lo fa?"
    Nathan: "Sta cercando di approfittarsi di noi."
    Haley: "Perché di te?"
    Nathan: "Bene. La cosa di cui ho più bisogno in questo momento è la tua fiducia e tu credi che menta."
    Haley: "Non ho detto questo."
    Nathan: "Non ce n'è bisogno."
    Haley: "Nathan? Dove stai andando?"
    Nathan: "Esco. Tranquilla, non metterò incinta nessuna."
  • Brooke: "Che cosa fai? Apri le gambe per ottenere quello che vuoi? Finalmente trovi un uomo interessato al tuo copione invece che al tuo corpo, e tu ti comporti come sempre: rovinando tutto."
    Alex: "Brooke, mi dispiace ho fatto un enorme sbaglio."
    Brooke: "Ti ha dato l'opportunità di far vedere al mondo che non sei una stupida attricetta fallita, ma hai dimostrato di esserlo in tutto e per tutto. Ottimo lavoro."
  • Mouth: "Ho visto le tue foto dell'altra sera, eri bellissima. Per Brooke dovresti fare la modella..."
    Millicent: "Tu che ne dici?"
    Mouth: "Che hai lavorato cinque anni per arrivare dove sei."
    Millicent: "Ma è qualcosa di nuovo e diverso."
    Mouth: "Non credevo che volessi cambiare."
    Millicent: "Nemmeno io."
    Mouth: "Dici sempre che lavorare con le modelle è la parte peggiore del tuo lavoro."
    Millicent: "Non devo essere come loro."
    Mouth: "Cioè stare fuori tutta la notte e arrivare tardi al lavoro? Questo è nuovo e diverso?"
    Millicent: "Vedo che c'hai pensato parecchio?"
    Mouth: "Ehh... no, è solo che tu non sei così."
    Millicent: "E questo l'hai deciso tu, tutto da solo nel tuo sottoscala?"
  • Quando si smette di fare piccole cose per l'altro si perdono le cose migliori." (Quinn)
  • "Quando Haley partì per la tournè, anch'io lo pensavo: qualsiasi cosa tentassi lei non tornava da me. Quindi per quanto fosse doloroso la lasciai andare, ma non ho smesso di sperare." (Nathan)

Episodio 6, Conflitti amorosi[modifica]

  • "Una sgualdrina rimane sempre una sgualdrina." (Brooke)
  • "Credo che quello di cui le persone hanno bisogno, è andare oltre le apparenze." (Mia)
  • Clay: "Rimani stanotte. Mi manchi tanto."
    Sara: "È quello che vuoi?"
    Clay: "Ne ho bisogno."
  • "Nathan Scott è un ragazzo di Tree Hill che ha superato infortuni e avversità per realizzare il sogno che aveva fin dall'infanzia: diventare un giocatore di basket professionista. Ma ultimamente la carriera di Nathan è finita in secondo piano per un'avventura con una fan terminata con una gravidanza. A mio parere continuare a fare servizi su tali sospetti senza che ci siano le prove della loro fondatezza, è da parte di questo Network un superficiale tentativo di fare gli ascolti. Non sto dicendo che gli sportivi siano al di sopra della legge, dico solo che spetta alla scienza stabilire la fondatezza di questi fatti non al notiziario della sera. Sinora non ci sono nuove prove che indichino la colpevolezza di Nathan Scott rispetto a queste affermazioni. Tuttavia appare sempre più colpevole ogni volta che si fa un servizio su di lui. Io ho deciso di occuparmi di cronaca sportiva perché ritengo che parlare di sportivi spinga la gente ad essere migliori. Benché io non sia mai stato un'altleta eccezionale, posso cercare di essere eccezionale a modo mio. Rifiutando di cedere alle pressioni, rifiutando di abbassarmi a certi livelli proprio come ha fatto Nathan Scott. Io credo a Nathan Scott, ma credo anche nei miei telespettatori e credo non vogliate contribuire a trascinarlo nel fango. Quindi se volete notizie sportive e non dei pettegolezzi, cambiate canale. Che il mio capo sappia che non contano solo gli ascolti, che conta la gente e l'integrità, ma soprattutto conta la verità, questo significa ancora qualcosa." (Mouth)
  • Nathan: "Una ritrattazione non farà cambiare idea a nessuno."
    Haley: "Potrebbe."
    Nathan: "Tutti penseranno che l'abbiamo pagata, cosa che faremo. E sembreremo ancora più colpevoli, ma tu questo lo sai il che... mi fa pensare che il motivo per cui hai deciso di pagarla è che cominci a credere che stia dicendo la verità. Ma Haley, se sono colpevole di questo non solo sarei uno che ti avrebbe tradita ma sarei anche uno che mette al mondo un figlio per abbandonarlo, come Dan Scott. Se mi ritieni capace di questo fa pure quello che credi, ma se hai perso fiducia in me, tutti i soldi del mondo non te la ridaranno."
  • "Ma non sto scappando dai miei problemi, Nathan. Sto fuggendo da qualcosa che si è spezzato e ne sono anche spaventata. Non so proprio come superarlo." (Quinn)
  • Millicent: "Credo di aver commesso un errore... ma non sono certa di volerlo."
    Mouth: "Allora perché hai accettato?"
    Millicent: "Perché mi faceva sentire speciale. Insomma, con il mio vecchio lavoro mi sentivo competente, preparata; mi sentivo capace, intelligente, e affidabile... ma non mi sentivo speciale."
    Mouth: "Oh, tu sei la ragazza migliore che abbia mai incontrato."
    Millicent: "Grazie Marvin. Ma quella sera è stato come... se tutto il mondo credesse che fossi speciale. Ma chi voglio prendere in giro? Non sono una modella sono solo Millicent."
  • "Se sfilare ti fa sentire speciale, allora dovresti farlo perché meriti di sentirti così. Meriti di essere felice ogni secondo di ogni giorno." (Mouth)
  • Brooke: "E l'uomo che amo da stanotte non dormirà in altri posti che non siano il divano."
    Julian: "Scusa, ma io cosa ho fatto?"
    Brooke: "Ciò che non hai fatto è dirmi che questa sgualdrina si è spogliata davanti a te."
    Julian: "Oh, quello..."
    Brooke: "Si, quello!"
  • Haley: "Non ho telefonato. Non ce l'ho fatta."
    Nathan: "Questo ti distingue da lei. È questo uno dei mille motivi per cui non potrei mai, in nessuna circostanza, tradirti."
    Haley: "Non voglio che distruggano il tuo sogno."
    Nathan: "Non accadrà. È qui davanti a me. E non me ne separerò mai."

Episodio 7, Realtà e apparenza [modifica]

  • Non credete a qualcosa solo perché lo dice una persona saggia o lo leggete in un libro, o è di spiegazione divina o perché ve l'ha detto vostra madre. Questo non lo rende vero. Credete solamente a ciò che voi stessi potete verificare e giudicare vero. (Dan)
  • Il divorzio non avviene all'improvviso. E le storie d'amore non finiscono all'improvviso. Tutti vogliamo essere amati, essere felici. E perché non lo siamo? Perché siamo diventati degli esperti nel sabotare la nostra felicità, nel sentirci come delle vittime, quando in realtà è stata una nostra scelta. Le brutte abitudini, i vizi, l'incapacità di mostrare amore e compassione, queste sono le cose che ci distruggono. Non siamo delle vittime, siamo i carnefici dell'amore e della felicità. (Dan)
  • A volte io non riesco più a vederti. Mi dimentico delle cose su di te e temo di perdere i nostri ricordi: come il tuo profumo, il suono della tua voce e come ti sentivo tra le mie braccia. (Clay)
  • Brooke: Devo sapere che provi le stesse cose che provo io. Che tu riesci a vederti insieme a me, per sempre... perché altrimenti che sto facendo, che cosa stiamo facendo... cosa siamo?
    Julian: Ehì, guardami. Siamo noi, Brooke. Sei la ragazza che amo con tutto il cuore e io sono il ragazzo che starà con te per sempre. Non dobbiamo avere fretta, per sempre è tantissimo tempo.
  • Sara: Non puoi cancellare ciò che siamo stati o ciò che abbiamo vissuto. Nessuno potrà farlo. Noi due insieme brillavamo, non lo dimenticherai.
    Clay: Ti amavo così tanto, Sara.
    Sara: Eri perfetto per me. E lo sarai per sempre. Ma ora è tempo di andare avanti.

Episodio 8, Di fronte alle paure [modifica]

  • Quinn': "Hey Brooke, stai bene?"
    Brooke: "Ti prego potresti dire a quello gnomo di smettere di guardarmi?"
  • Clay: "Sara hai provato dolore... nel momento in cui sei morta?"
    Sara: "No."
    Clay: "Be' io si. E lo sento ogni giorno e questo non è giusto."
    Sara: "La vita non è giusta, Clay. Ma continuare a essere infelice non riuscirà a cambiare le cose."
  • Brooke: " Allora cos'ha detto Zelda? Orictolagus... e poi? Orictolagus culo culus."
    Haley: " No, non ha detto cosi."
    Haley: " Hai ragione la cellulite fa più paura."
  • Clay: " Scusami. "
    Quinn: " Io non capisco. Io non so che cosa sto facendo, insomma non so cosa stiamo facendo. Mi dici che cosa ho sbagliato? "
    Clay: " Quinn tu mi piaci e solo che... Si chiamava Sara, e io l'amavo, lei era mia moglie ma è morta. Non l'avevo mai detto a nessuno, almeno fino ad oggi."

Episodio 9, Un'altra possibilità [modifica]

  • Quinn: "D'accordo giochiamo: di cos'altro hai paura?"
    Clay: "Di guardare avanti. Di provare qualcosa per una persona nuova. Ma sono stanco di avere paura."

Episodio 10, Lezioni di vita [modifica]

  • "Diamo per scontato il fatto di essere felici fino a quando non facciamo del male a qualcuno o a noi stessi. Serviamo rancore e messi di fronte ai nostri errori, inventiamo un nuovo passato e reinventiamo noi stessi, o almeno ci proviamo. Siamo orgogliosi, volitivi, tremendamente scorretti e alla fine le nostre menzogne si ritorgono contro di noi." (Dan)
  • Brooke: "Pensavo di essere incinta."
    Julian: "Che cosa?"
    Brooke: "Non lo sono, meglio per te."
    Julian: "Sarebbe stato meglio per me se lo fossi stata."
  • Brooke: "Devi essere strafatta."
    Victoria: "No ma che dici? Ho solo bevuto tre Martini a pranzo... ok, sono un pò intontita."
    Brooke: "Non tu ubriacona, Millicent. Pensa, si aspetta che io le paghi cinquecentomila dollari come modella della compagnia."
    Victoria: "Hai ragione è strafatta, forse fuma crack."
  • "È vero ho parlato di rallentare un pò e prenderci del tempo, ma se in futuro di dovessi rimanere incinta, quello sarà un grande giorno. E io sarò pienamente d'accordo." (Julian)
  • Dan: "Non era questo che intendevo con prendi il controllo della tua vita, ma almeno hai un bel vestito. Alcune persone non sanno cos'è il coraggio."
    Clay: "Mia moglie è morta. All'improvviso e ingiustamente. Ma credeva in me e credeva in quello che volevo fare. Dopo averla seppellita ho scelto subito la sua lapide e sono andato a lavorare. Quindi non parlarmi di coraggio e non darmi lezioni sui giorni oscuri, perché questo è ben lontano dall'esserlo."
  • Clay: "Non mi hai richiamato!"
    Nathan: "Non c'era nient'altro da dire."
    Clay: "Si, tranne questo: mi dispiace, non perché ho fallito come agente, ma perché non hai quello che volevi. Eri il miglior cliente che avessi mai avuto e mi mancherà rappresentarti. Ma più di ogni altra cosa eri anche il migliore amico che avessi mai avuto. E questo mi mancherà di più."

Episodio 11, La redenzione [modifica]

  • "Sono felice che stai bene, ma è ora di cominciare a fermarsi. Ho bisogno che tu lo capisca e io ho davvero paura di quello che potrebbe accadere se tu non lo facessi, perché mi manca la vecchia Millicent. Mi manca la Millicent che preferiva stare a casa a giocare ai videogiochi piuttosto che uscire tutta la notte. Mi manca la Millicent a cui importava dei suoi veri amici e si impegnava nel suo lavoro. Mi manca quella Millicent, la rivoglio indietro." (Mouth)
  • Dan: "Prima che tu lo sappia da altri farò una trasmissione sul giorno in cui abbiamo perso Keith."
    Nathan: "Il giorno in cui hai ucciso Keith. Se vuoi chiedere perdono fallo bene Dan."
    Dan: "Non mi aspetto che tu sia d'accordo, vorrei solo che tu la guardassi. Servirà per aiutare la gente."
    Nathan: "No, non è vero. Sai cosa vedo quando ti guardo in tv? Vedo molta gente infelice e tu che gli prendi i soldi."
    Dan: "Dammi una possibilità."
    Nathan: "Una possibilità? Pensi che dopo tutti questi anni non abbia sperato che tu fossi un padre migliore di quello che sei? Ti ho dato milioni di possibilità e la verità è che se tu avessi davvero aiutato qualcuno o fatto un gesto che dimostrasse che ti importava di qualcuno oltre te stesso, allora forse. Ma io ti conosco, quindi perdonami ma ho finito le possibilità."
  • Quinn: "È questo che adoro di te."
    Haley: "Cosa? Che non riesco a decidermi?"
    Quinn: "No, che ti preoccupi sempre di quello che vogliono gli altri. Io credo che la domanda che dovresti farti sia: tu che cosa vuoi?"
  • Brooke: "Hai detto ad Alex che io non posso avere figli."
    Julian: "Io..."
    Brooke: "Sono cose personali. Sono cose che riguardano noi due e tu lo hai detto a lei."
    Julian: "Mi dispiace, ho fatto male... io... mi è uscito così."
    Brooke: "Ma come hai potuto farlo?"
    Julian: "Brooke, mi dispiace, ti prego perdonami."
    Brooke: "No! Vuoi sapere cosa c'è di peggio di quello che le hai detto? Le hai detto che vuoi avere dei figli. Hai detto a lei la verità e hai mentito a me."

Episodio 12, L'intensità della vita[modifica]

  • "A volte penso che noi sprechiamo tante parole e tanti momenti e non sfruttiamo il tempo per dire le cose che abbiamo nel cuore quando ne abbiamo l'occasione." (Clay)
  • "Sara sapeva che l'amavi. Mi hai detto che l'hai abbracciata e che avevi ballato con lei prima. Non trovo un modo migliore per dire addio." (Quinn)
  • "Il perdono non esiste. Esiste quello che fai e quello che devi pagare. Ricordatevelo quando attuate uno dei vostri piani malvaggi o quando tradite, rubate, siete avidi, odiate o qualsiasi cosa facciate o pensate di fare o abbiate già fatto. Il perdono non esiste, ci sono solo le consequenze. Io ci sono passato e non c'è perdono: c'è sofferenza, e colpa e tormento per quello che sei e che hai fatto. Quindi non fatelo, fermatevi prima che sia tardi. Mi manchi Keith, ogni momento di ogni giorno. Rimorso è tutto quello che resta." (Dan)
  • Quinn: "A cosa pensi?"
    Clay: "Sai la tua paura dell'oceano? E come la spieghi?"
    Quinn: "L'immensità! Perché è così immenso."
    Clay: "Esatto... io riflettevo che... l'oceano non è così immenso. La vità è immensa ma l'affrontiamo con coraggio ogni giorno. Come hai fatto tu oggi."
  • "Il tuo è stato un gesto da vera egoista. Se ti alzasti e camminassi tra questi corridoi vedresti un sacco di persone battersi per avere un solo giorno di vita in più o anche solo un'ora, oppure un minuto. Non so Alex, il tuo gesto... a me sembra un atto di grande egoismo." (Brooke)
  • Millicent: "Mi dispiace! Ho detto delle cose terribili ad Alex e ti ho rubato il vestito... mi dispiace tanto."
    Brooke: "Perché Millie? Mi spieghi cosa ti è successo?"
    Millicent: "Volevo tanto dimagrire. Volevo assomiglire alle altre ragazze, così quando... l'ho trovata nell'armadio di Alex..."
    Brooke: "Droga? Ti sei drogata? Senti, non fai più la modella per me ma sei ancora mia amica, chiedi aiuto, vai in terapia."
  • "Sai, mia madre era una donna davvero meravigliosa. Aveva la magia dentro di sé e... dopo un pò di tempo cominciò a sentirsi poco amata e poco importante. Non lo so, papà era sempre a lavoro e io ero solo un ragazzo. Ero sempre fuori a fare quello che fanno tutti. Nessuno le ricordava che persona speciale fosse; nessuno cercò di fermarla quando prese quel bicchierino in più o quelle pillole di troppo. E... alla fine tutta la sua magia si spense e lei divenne quella persona non molto speciale che lei aveva sempre pensato di essere." (Julian)
  • James: "Vai via nonno Dan?"
    Dan: "Devo farlo."
    James: "Perché?"
    Dan: "Ho fatto tante brutte cose, Jamie. E mi dispiace."
    James: "Tutto apposto. Ti perdono."

Episodio 13, Visita a sorpresa [modifica]

  • Victoria: "Ami ancora Julian?"
    Brooke: "Ma certo!"
    Victoria: "Oggi l'ho incontrato e gli ho detto di lottare per te. Ma lui sta già lottando, non è così? Senti non lasciare che questo vostro "prendiamoci un pò di tempo" diventi un addio."
  • Julian: "Io sono qui a Tree Hill per te e non è mai abbastanza. Stai ancora aspettando che succeda qualcosa; aspettando che non funzioni tra noi."
    Brooke: "Non sono venuta qui per litigare, voglio solo parlare."
    Julian: "Già e invece stiamo litigando. E mi sono davvero stancato di litigare con te. Sai, forse hai ragione, forse io ho bisogno di salvare le persone, questo è il mio problema. Ma io sono anche quello che ti ama Brooke, sono quello che hai allontanato quando hai scoperto che non potevi avere figli, sono quello di cui non riesci a fidarti non importa quante volte te lo ripeta, è questo il tuo problema non potrò mai farti cambiare idea."

Episodio 15, Festa anni ottanta [modifica]

  • "La ragazza dietro la porta marrone." "Non ha lo stesso significato." (Brooke)
  • "Che lui lo ammetta o no, non posso stare tranquillamente con un ragazzo che è innamorato di un'altra. Non più." (Brooke)
  • Clay: " Sarebbe bello se tu ogni tanto mi dessi credito anziché dubitare."
    Nathan: " Hai ragione amico, ho esagerato prima, scusami."
    Clay: " Nathan c'è qualcosa che non ti ho mai detto e non so perché non te l'ho detto ma è successo. Io ero sposato, prima di conoscerti. Si chiamava Sara."
    Nathan: " Certo, ti ha lasciato quando ha saputo che andavi con tutte?"
    Clay: " No veramente è morta!"
  • Julian: "Non credo che sarà facile tu e io buoni amici."
    Brooke: "No. Ma è meglio che non essere vicini l'una all'altro."

Episodio 16, Nonna Lydia [modifica]

  • Lydia: "Mi è dispiaciuto sapere di tua moglie. Sai anche io ho perso mio marito qualche anno fa."
    Clay: "Quinn me l'ha detto, mi dispiace."
    Lydia: "È dura vero? Imparare a vivere senza.
    Clay: "Già! È dura andare avanti è come se fosse ingiusto verso di loro."
    Lydia: "Credo che verso di loro sia ingiusto il contrario. Insomma, è quello che vorrebbero... vorrebbero sapere che abbiamo affrontato la loro assenza con dignità, con grazia."
    Clay: "Si, ma a dire il vero non credo di avere affrontato con grazia questa faccenda."
    Lydia: "Sei ancora qui, sei ancora in cerca della tua strada e in questo c'è molta più grazia di quanto tu creda."
  • Lydia: "Senti, ne vuoi parlare?"
    Haley: "Che c'è da dire? Che sono arrabbiata? Sono furiosa. Questo non è giusto."
    Lydia: "Lo so!"
    Haley: "Tu dici: "ho il cancro." e di colpo il mio mondo cambia. Come dovrei comportarmi mamma? Quando mi serve un consiglio su come essere una buona madre io ti chiamo; quando mi serve un consiglio su come essere una brava moglie io ti chiamo; quando sono triste, arrabbiata o felice o qualunque altra cosa io ti chiamo, io ho bisogno che tu ci sia."
    Lydia: "Ma io ci sarò sempre, sarò sempre parte di te, tesoro mio. Ma tu senza alcun aiuto sei già una madre e una moglie fantastica. Tesoro tu sei incredibilmente forte. Dai pensa a tutto quello che hai affrontato e per quanto fosse difficile hai sempre trovato il modo migliore per gestire le cose."

Episodio 17, Situazioni a sorpresa [modifica]

  • "Ho bisogno di credere in qualcosa perché senza speranza non riuscirei a respirare." (Haley)
  • James: "Nonno ti manca?"
    Lydia: "Ogni secondo di ogni giorno. Sai cosa faccio per ricordarmelo? Quando ascolto tua madre sento la risata del nonno, e quando guardo tua zia Quinn vedo i suoi occhi, e quando vedo te riesco a vedere il suo sorriso bellissimo."
  • Quinn: "Vorrei solo che non fosse così difficile con mia madre."
    Clay: "Io sono l'emblema della sofferenza solitaria, ma tu devi reagire. Io sono qui."
    Quinn: "Lo so, grazie! Ma per me è complicato accettare che lei se ne stia andando."
    Clay: "Per quello che vale, tu hai un'opportunità: hai la possibilità di dirle addio. Io non l'ho avuta con Sara, e vorrei averla avuta. Avrei voluto quel momento."
  • Haley: "Ehì, ascolta: so quanto dev'essere difficile per te, se hai bisogno di piangere, va bene."
    James: "Non piango per me, io piango per te: la tua mamma morirà. Non voglio perdere né papà né te."
    Haley: "Tu non ci perderai mai, promesso."
  • Lydia: "Ti sei preso molta cura di mia figlia. Mi ricordo il giorno in cui sei venuto a chiederci il permesso di sposarla, eri così nervoso."
    Nathan: "Già!"
    Lydia: "Ma ti guardai negli occhi e mi resi conto..."
    Nathan: "Di che cosa?"
    Lydia: "Che avresti cambiato la vita di mia figlia. E avevo ragione."
    Nathan: "Già! Voi avete cresciuto la donna che è riuscita a cambiare tutto il mio mondo. Questo non lo dimenticherò mai Lydia, mai. Grazie per aver detto di si."
  • "A volte il nostro rapporto sembra così semplice e tranquillo, ma poi da un momento all'altro diventa tutto molto complicato e ci sono dei giorni in cui ho voglia di risolvere i problemi, ma poi ce ne sono altri in cui mi chiedo se siamo fatti per stare insieme, se potremo mai essere una coppia." (Brooke)
  • "Non aspettare! Sai la vita è troppo breve. Se ami una persona e vuoi stare con lei va a prenderla, non perdere tempo. Ai problemi ci penserai dopo. Non sai cosa accadrà domani." (Haley)
  • Alex: "E dimmi: come va con Brooke?"
    Julian: "È ovvio che ci amiamo ancora ma se ci avviciniamo troppo, uno dei due alza un muro. E quando succede non c'è comunicazione."
    Alex: "Allora abbattilo."
    Julian: "Una volta che Brooke alza un muro verrà giù solo quando lo deciderà lei."

Episodio 18, Parole che cambiano la vita [modifica]

  • Haley: "Come potrò mai farcela, Nathan?"
    Nathan: "Come fai sempre: con dignità e tanto coraggio. E con me al tuo fianco in ogni momento."
  • Haley: "Ci sono stati tanti momenti belli e così tante cose che se ne andranno via con lei quando morirà. Non so quali siano le domande giuste da fare, non sono... non sono pronta per questo. Non mi sento pronta, Nathan."
    Nathan: "Nessuno lo è mai."
  • "Dà alla tua testa il permesso di seguire il tuo cuore." (Lydia)
  • Brooke: "Credevo che fossi andato a letto con Alex."
    Julian: "Quindi, in pratica non ti fidi ancora di me?"
    Brooke: "No, in pratica sono diventata gelosa perché sono innamorata di te, Julian e non smetterò mai di esserlo. E questo mi porterà a fare delle cose stupide a volte perché l'amore è assurdo e fa fare cose assurde, ora lo so."

Episodio 19, Ogni foto racconta una storia [modifica]

  • Julian: "Ricordi cosa mi dicenti la nostra prima notte qui?"
    Brooke: "E se rovinassimo tutto?"
    Julian: "Ogni notte che ho passato lontano da te io ho sognato di ritornare qui, in questa stanza, in questo letto, con te. Ho sognato di noi Brooke, e ora siamo qui di nuovo insieme e tu sei perfino più bella di in tutti i miei sogni. Ti amo, non ho mai smesso di amarti. Neanche per una notte, neanche per un momento e mai lo farò. Niente potrà dividerci Brooke Davis."

Episodio 21 Caccia al tesoro [modifica]

  • "Qualcuno ha detto che la morte non è la peggiore perdita della vita. La perdita più triste è ciò che muore dentro di noi mentre viviamo. Potrei dirvi chi l'ha detto, ma a chi diamine importa?" [...] "Sembra tutto falso. Quest'idea che... i buoni avranno cose belle, nel mondo c'è magia, gli umili e i giusti trionferanno; c'è tanta gente che soffre e che si illude che sia vero. Troppe preghiere non vengono esaudite. Ogni giorno ignoriamo quanto questo mondo possa essere guasto, continuiamo a ripeterci che tutto andrà bene, ma non è vero. E quando l'hai capito... non torni più indietro. Non c'è magia nel mondo... almeno oggi non c'è." [...] "Stavo solo cercando di dare un senso a tutto questo. Come può qualcuno lasciare il tuo mondo in un batter d'occhio e sparire per sempre? È triste. A pensarci bene è troppo grave, troppo duro. E tu devi solo andare avanti, tu devi... devi accettarlo; diciamo che ti lasciano essere triste finché non appassiscono i fiori. Però poi devi tornare a raccontare barzellette e ricordare i vecchi tempi. Io non ho barzellette da raccontare, per la verità spero di non sentire nessun'altra barzelletta finché vivrò. E i vecchi tempi sono ormai vecchi tempi che sono andati." [...] "Ho dovuto imporre a me stessa di essere felice, ma non mi sento felice e quando provo a cambiare, quando cerco di ricordare che cosa si prova ad assere felici, non ci riesco, io... non sento gioia, non mi sento ispirata, mi sento vuota." (Haley)
  • "Haley? Haley, ascoltami so che stai soffrendo molto ultimamente ma so anche che sei cosciente delle scelte che fai. Perciò voglio che mi ascolti e poi potrai parlarmi in tono sprezzante e andare via, ma prima sediti, ti prego. Tua madre era fiera di te, le spezzerebbe il cuore sentire che la sua bellissima, dolce, sensibile figlia sta soffrendo così. Io lo so perché sono una madre e anche tu lo sei. La nostra vita non è facile, le perdite sono insopportabili a volte, disperati pure ma lotta così troverai la forza per tornare alla tua vita nel modo giusto. Ma ricordati questo: tua madre vorrebbe vederti affrontare la sua perdita in modo coraggioso e vitale, vorrebbe vederti combattere il dolore con ogni mezzo, perché questa è la figlia che lei ha cresciuto, questa è la figlia che lei ha amato." (Victoria)
  • "Siamo tutti pazzi, solo che alcuni lo mascherano meglio di altri." (Nathan)

Episodio 22 Serata d'onore [modifica]

  • Haley: "Ti prego non pensare che io ti dia per scontato. Ti sono molto grata per come stai affrontando tutto questo e per come sei."
    Nathan: "Non potrei essere diversamente. Haley tu mi hai salvato talmente tante volte. Ho paura di essere stato egoista con te, di essermi approfittato della tua forza e del tuo altruismo, e di averti fatto crollare in qualche modo."
    Haley: "No, no, tu non c'entri niente, è solo che io ho un peso sul cuore che non avevo mai provato prima."
  • "Tutti dicono che le mie prossime mosse e le decisioni che prenderò definiranno chi sono, la mia carriera, la mia vita. Ebbene, la cosa che voglio fare è chiederti di essere mia moglie e dirti quanto profondamente ti amo e che non conta nient'altro per me. Quando io ti guardo negli occhi Brooke, vedo la mia vita e il mio futuro e li vedo insieme a te. Vuoi sposarmi Brooke Davis?" (Julian)

Altri progetti[modifica]