Patrick Augustine Sheehan

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Patrick Augustine Sheehan

Patrick Augustine Sheehan (1852 – 1913), sacerdote cattolico, scrittore e politico irlandese.

Incipit di Il mio nuovo cappellano[modifica]

IL SAN MARTINO

Ecco la mia colpa! Io non ho saputo tener a posto la lingua! In un momento di malumore, mi lasciai sfuggire; «Il vescovo! che cosa può mai fare a un prevosto come me?». Fatto sta che questa frase poco riguardosa e poco rispettosa fu riportata a Sua Eccellenza.
«Che cosa posso fare? – deve aver detto. – Oh io posso mandargli un curato che gli faccia perdere la testa in sei settimane!».
Fu dunque senza troppa sorpresa che, una sera, mi vidi venire incontro il mio vecchio amico e cappellano, l'abate Tom Laverty, colle lagrime agli occhi, tenendo in mano una lettera aperta.

[Patrick Augustine Sheehan, Il mio nuovo cappellano, traduzione di P. Galli, Pia Società San Paolo, 1942.]

Bibliografia[modifica]

  • Patrick Augustine Sheehan, Il mio nuovo cappellano, traduzione di P. Galli, Pia Società San Paolo, 1942.

Altri progetti[modifica]