Piero Belli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Piero Belli (1882 – 1957), giornalista e scrittore italiano.

  • [Sull'impresa di Fiume]
    Si deve dire che ci fu un uomo il quale prese ad un tratto in pugno tutto il destino dell'impresa. Fu il gigante che inarcò le spalle a sorreggere il peso immane di uno sforzo pauroso: quello necessario ad impugnare un revolver ed a spianarlo contro la fronte di un altro uomo, per la fulminea eliminazione dell'ostacolo insormontabile.
    — Occorrono i camions? — interrogò egli.
    — Per l'appunto.
    — E vi disperate perché non ci sono?
    — Precisamente.
    — Allora, fermi tutti. Ci penso io!
    Non disse altro. Non chiese nulla. Non esitò un istante. Balzò in automobile e si precipitò a rotta di collo verso Palmanova. [...]
    Furono a un tratto faccia a faccia: quegli che voleva i camions e quegli che doveva darli. Due capitani. Due italiani. [...]
    Alla breve luce di una lampada, entro l'angusto spazio di una cameretta uso baracca, la polemica fu subito troncata da un gesto di minaccia. L'ufficiale di d'Annunzio sollevò il pugno armato di rivoltella all'altezza di quella fronte curva nel diniego inesorabile. E le parole della intimazione furono scandite nel silenzio con la voce tronca che mozza il respiro.
    — O tu cedi o io sparo!
    L'altro impallidì. Poi disse:
    — Cedo alla violenza.
    Non si sentiva di morire per 40 camions. E poi, quegli che lo fronteggiava non era un austriaco. Gli brillavano sul petto tre medaglie d'argento. E coteste tre medaglie ne aspettavano un'altra: d'oro. Era dunque un eroe autentico. Ed era precisamente il capitano degli arditi Ercole Miani, triestino, conquistatore del Vodice.
    (da La notte di Ronchi, pp. 19-22)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]