Pierre Laval

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pierre Laval nel 1931

Pierre Laval (1883 – 1945), politico francese.

Citazioni su Pierre Laval[modifica]

David Thomson[modifica]

  • Il prezzo pagato personalmente da Laval per la sua politica fu quello di esporsi in quel tempo a un'aspra animosità, e infine alla morte. Il prezzo pagato dalla Francia fu l'aggravarsi dello scisma all'interno della nazione.
  • Simile a un lupo solitario in politica, Laval riuscì a rimanere al potere barcamenandosi in mezzo a ogni genere di compromessi. Dal punto di vista della politica internazionale egli giunse a convincersi che il più probabile risultato della guerra non sarebbe stato né una vittoria tedesca né una sconfitta tedesca, bensì una pace senza vincitori né vinti: la sua speranza era quella di assumere la veste di intermediario fra l'Asse e gli Alleati Occidentali, riconciliando le due parti contro il pericolo della rivoluzione comunista e dell'egemonia sovietica.
  • Sotto la guida di Laval, dall'aprile 1942 alla fine del 1943, continuarono, e in certo senso vennero intensificati, i tentativi di completare l'opera della Rivoluzione Nazionale. Nell'estate del 1942 furono prese misure antisemite ancora più drastiche, e gli ebrei furono costretti a portare la stella gialla. Continuò la propaganda orchestrata su Travail, Famille, Patrie. Tuttavia lo stesso Laval fu sempre insofferente rispetto all'ideologia del pétainismo, che liquidava sarcasticamente definendola «la medicina che dovrebbe guarire tutti i mali». Egli detestava la denominazione di «Stato Francese» apposta sui proclami ufficiali, sulle monete e sui francobolli, come pure detestava il culto personale di Pétain, considerato come un grande padre, un culto che andò diventando sempre più accentuato e sciocco durante la sua lontananza dal potere.

Altri progetti[modifica]