Pierre de Bourdeille

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pierre de Bourdeille

Pierre de Bourdeille, detto Brantôme (1540 – 1614), storico e biografo francese.

Vite delle dame galanti[modifica]

Incipit[modifica]

Monsignore, stante l'onore grande che più volte mi avete concesso di trattenermi a corte confidenzialmente intorno ad arguti detti, i quali Vi sono così famigliari e alla mano che si direbbe che nascano a vista d'occhio sulle Vostre labbra, tanto è grande, pronto e sottile il Vostro spirito, e di egual grado è ornata la Vostra parola, io mi sono messo a tirar quei discorsi tali e quali e nel miglior modo che posso, laonde, se alcuni ve ne sono che a Voi piacciano, possano almeno questi farVi passare il tempo e farVi sovvenire di me nei Vostri conversari, dei quali mi avete onorato al pari di un gentiluomo della corte.[1]

Citazioni[modifica]

  • Lo spagnolo dice che una donna per essere perfettamente ed assolutamente bella deve avere trenta belle condizioni. Tre cose bianche: pelle, denti e mani. Tre nere: occhi, sopracciglia, palpebre. Tre rosse: labbra, guance, unghie. Tre lunghe: corpo, capelli, mani. Tre corte: denti, orecchie, piedi. Tre larghe: petto, fronte, spazio fra le sopracciglia. Tre strette: bocca, vita, caviglia. Tre grosse: braccia, coscia, polpaccio. Tre sottili: dita, capelli, labbra. Tre piccole: capezzoli, naso, testa.[2]
  • Se un bel corpo non ha una bella anima, rassomiglia piuttosto a un idolo che a un corpo umano. (II)[3]

Note[modifica]

  1. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937
  2. Citato in Prosper Mérimée, Carmen, traduzione di Franco Montesanti, Garzanti Editore, 1984.
  3. Citato in Fernando Palazzi, Silvio Spaventa Filippi, Il libro dei mille savi, Hoepli, Milano, 2022, n. 889. ISBN 978-88-203-3911-1

Altri progetti[modifica]