Pippo Russo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Pippo Russo (1965 – vivente), sociologo, scrittore e giornalista italiano.

  • Perciò ha usato una di quelle frasi fatte apposta per rimanere nel personale Wikiquote, la collezione delle citazioni memorabili che ciascuno di noi si porta dietro per la vita. Come un patrimonio e un fardello al tempo medesimo.[1]

Incipit di alcune opere[modifica]

L'invasione dell'ultracalcio[modifica]

Il calcio è cambiato in modo sconvolgente. A partire dagli anni Novanta esso è stato attraversato da una netta svolta modernizzatrice che ha trasformato uno sport dalla radice fortemente ludica in un fenomeno dall'elevato profilo industriale. La mutazione genetica da rito collettivo animatore di passione popolare a complesso d'attività altamente razionalizzate e finalizzate alla produzione di utilità è collettivamente percepita, oltreché generalmente vissuta, come un arretramento qualitativo e sentimentale rispetto alla versione originaria del gioco.

[Pippo Russo, L'invasione dell'ultracalcio, Ombre corte]

Sport e società[modifica]

Il percorso che porta alla fondazione di una sociologia dello sport come disciplina autonoma non è diverso da quello che ha condotto all'istituzione delle altre sociologie specialistiche. Come scienza prodotta dalla modernità, la sociologia rispetta infatti al proprio interno una di quelle dinamiche che costituiscono oggetto privilegiato del suo campo d'indagine: quella di differenziazione. Dalla disciplina madre, la scienza sociologica ha proceduto nel XX secolo per successive segmentazioni e specializzazioni, in direzione di campo d'indagine più circoscritti. Si è così registrato un fiorire di sociologie settoriali, che ha visto spostare il focus dai temi classici dell'ordine sociale e dell'integrazione, della stratificazione, del potere materiale e della socializzazione, a quelli relativi alla dimensione delle pratiche quotidiane.

[Pippo Russo, Sport e società, Carocci]

Note[modifica]

  1. Da Il nucleare emotivo, la Repubblica, 24 aprile 2011.

Altri progetti[modifica]