Proverbi spezzini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di proverbi spezzini.

  • Ai cativi mainài tüti i venti i en contrai
Per i cattivi marinai, tutti i venti sono contrari
  • Ai cuiosi se ghe strina 'r cüo.
Ad esser curiosi ci si può scottare il culo
  • A tüto gh'è remedio, fea che a l'osso der colo
A tutto c'è rimedio, tranne all'osso del collo, alla morte
  • Beati i ürtimi se i primi i han discression.
Beati gli ultimi... se i primi sono educati
  • Bela come er cüo dea padela
Bella come il cul della padella
  • Chi pè pè, chi ne pè va a pé
chi può può chi non può si arrangia
  • En po' pe' ün i ne fa mao a nissün
Un po' per uno non fa male a nessuno
  • Er merlo ch'i disa ar corvo: -come tei negro!-
Il merlo che dice al corvo:-come sei nero!-''
  • Er porco i dà der porco ai autri perché i l'è lü.
Chi ha la coscienza sporca accusa gli altri
  • Fin che i sassi i van a fondo, a ghe saàn de semi ar mondo
finché i sassi vanno a fondo, ci saranno scemi al mondo
  • L'è come picae ün che caga
è come picchiare uno che sta facendo i suoi bisogni
  • Morto 'n papa se fa 'n papa e 'n cardinale.
Morto un papa, si fa un papa... e un cardinale
  • 'Na pissada sensa peto, l'è come 'n violin sensa archeto
una pisciata senza peto, è come un violino senza archetto
  • 'Nta padela i zimi de bochi i paen torta
lett.: Nella padella le cime dei rovi sembrano torta.
  • S'a ne ghe n'è a ne se 'n spenda
se non ce n'è non se ne spende: si dice dell'intelligenza
da un pino non nasce un castagno
  • Chi de gagina nassa tera raspa
chi nasce da gallina rasperà sempre la terra