Proverbi umbri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search


Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

Raccolta di proverbi umbri.

C[modifica]

  • Chi ccià la mojie bella sempre canta e chi ccià pochi quatrini sempre conta.
Chi ha la moglie bella canta e chi ha pochi denari li conta sempre. (Terni)
  • Chi rubba ccià la robba, chi lavora ccià la gobba.
Chi ruba ha la roba, chi lavora la gobba. (Terni)
  • Chi se rinnova lu giornu de Maria, è libiru da ogni maladia.
Chi indossa l'abito nuovo il giorno di Maria, è libero da ogni malattia. (Terni)
  • Chi vole 'l pan sel fetti, chi ji rode 'l cul sel gratti
Chi vuole il pane lo affetti, chi ha un prurito al deretano se lo gratti. (Ognuno pensi per sè) (Perugia)
  • Chi và a letto che je rode 'l culo, s'alza che je puzza 'l deto.
Chi ignora i propri problemi, prima o poi se li ritrova davanti. (Perugia)

F[modifica]

  • Finirno i pregiutti anche ta Sorbo.
Sono finiti i prosciutti anche a Sorbo. (c'è rimasto poco di ciò che c'era all'inizio) (Perugia)

L[modifica]

  • La donna e lu focu vo' stuzzicati 'gni pocu.
La donna e il fuoco vanno stuzzicati di continuo. (Terni)
  • L'avaru è come lu porcu, è bonu quann'è mortu.
L'avaro è come il maiale, è buono quando è morto. (Terni)
  • Lu stracciusu passa pe' puzzulusu.
Lo straccione passa per puzzolente. (Terni)