Max Gazzé

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Quindi?)
Jump to navigation Jump to search
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Fabi Silvestri Gazzé.
Max Gazzè

Max Gazzè (1967 – vivente), cantautore e musicista italiano.

Citazioni di Max Gazzè[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • È un arte meravigliosa, fare pop in maniera sciatta è criminale. È più complicato fare pop che abbia senso che fare delle cose complesse.[1]
  • Fare pop è davvero un'arte difficile, significa fare cose orecchiabili, archetipiche, ma ricche e a loro modo complete, c'è una meticolosa stesura del testo, una attenta ricerca sul suono delle parole che faccio con mio fratello, le assonanze, le rime interne.[1]
  • [Sulla strage dell'Heysel] Il calcio non lo seguo e non ne so nulla. C'è un fatto che nessuno sa e che spiega tutto. Nel 1985 ero all'Heysel, a Bruxelles, alla finale di Coppa dei Campioni. Sono cresciuto in Belgio ed è per questo che quel 29 maggio mi trovavo lì per Juve-Liverpool, proprio nel settore Z. Accompagnavo mio cugino, appena arrivato da Roma. Vidi tutto: i corpi schiacciati, la gente presa a manganellate dalla polizia, alcuni amici con la faccia coperta di sangue. Mi ritrovai con le spalle contro un muro. Riuscii a scavalcarlo e a saltare giù. Corsi a casa, ero sotto choc. Avevo 17 anni. Col calcio chiusi quella sera stessa, e per sempre.[2]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Contro Un'Onda Del Mare[modifica]

Etichetta: Virgin, 1996

  • Quel che fa paura | come i tasti estremi di un pianoforte | come le falangi e le dita | quando la mano è magra prima della morte. (da Quel Che Fa Paura)
  • Cannone spara fumo | un rimorso custodisce sul passato e castiga | nessuna pietà. (da Sul Filo)
  • Vedi, figlio mio | solo poi t'accorgerai | che è meglio non capire | le miserie strane che ho capito io. Chiudi gli occhi è solo un fulmine | che verrà il tuono ed io non ci sarò. (da Gli Anni Senza Un Dio)
  • Come farò | a capire quel che sai di me | se non hai mai capito | che sono pazzo di te? (da Sono Pazzo Di Te)

La favola di Adamo ed Eva[modifica]

Etichetta: Virgin, 1998, prodotto da G. Baldi, G. Misiti, P. Monterisi, R. Sinigallia, M. Gazzè.

  • Credo di notare una leggera flessione del senso sociale. (da La favola di Adamo ed Eva)
  • Siamo uomini troppo distratti da cose che riguardano vite e fantasmi futuri | ma il futuro è toccare, mangiare, tossire, ammalarsi d'amore. (da La Favola di Adamo ed Eva)
  • E tu sarai il pretesto | per approfondire | un piccolo problema | personale di filosofia | su come trarre giovamento | dal non piacere agli altri | come in fondo ci si aspetta che sia. (da Cara Valentina)
  • Una musica può fare | cantare lililli o lalalla (maggiore). (da Una musica può fare)
  • Questo sinuoso movimento mi chiarifica l'origine | inevitabile fermento mi qualifica l'origine. (da Raduni ovali)
  • Ho lasciato scappare via l'amore | l'ho incontrato dopo poche ore | È tornato senza mai un lamento | È cambiato come cambia il vento. (da Vento d'estate) [Cantata con Niccolò Fabi]
  • [...] quel giorno speciale Daniela velluto di cuore e di mani | finiti gli esami fu preda del luglio [...]. (da L'amore pensato)
  • È un bacio non dato | l'amore pensato. (da L'amore pensato)

Max Gazzè[modifica]

Etichetta: Virgin, 2000

  • Se ti sfugge il motivo | e la ragione delle cose | molto probabilmente | c'è un motivo e c'è una ragione | ma non fanno per te (da Se piove)
  • Potranno mai le mie parole | esserti da rosa | sposa. (da Il timido ubriaco)
  • Soprattutto se piove | non aprire l'ombrello. | Aspetta il tuo giorno di sole | non puoi fare di meglio. (da Se piove)
  • Io musico te soltanto | e mentre canto la mia pelle sembra frigger come burro | dentro suoni di padelle. (da Poeta minore)

Ognuno fa quello che gli pare?[modifica]

Etichetta: Virgin – Emi, 2001

  • Ecco perché il peso ci schiaccia | di non potere amare davvero | e stringere chiunque fra le braccia | se lo vogliamo sul serio. | Ecco perché qualsiasi angelo | può diventare cattivo | se ciò che lo rende vivo | fa quasi sempre scandalo. (da Megabytes)
  • Vedo le traveggole di Dio | che spostano il buio un po'più in là. | Dove le bugie dell'uomo vagano impazzite | prigioniere tutte della stessa orbita sbagliata. | Ma se verrà il momento di raccontare tutto, | non saprò spiegarvi questo forte silenzio. (da Questo forte silenzio)
  • Il motore degli eventi, | è partito con l'impegno: | tiene accesa la fortuna. (da Il motore degli eventi[3])
  • Sto capendo com'è facile | succhiare il dolce della vita, | fino all'ultima goccia... | fino all'ultima goccia. (da Il dolce della vita[4])

Un Giorno[modifica]

Etichetta: Virgin, 2004

  • Se guardiamo il tramonto | è per te Annina mia. Se contiamo le stelle | è per te Annina mia. Ma se vuoi fare qualcosa | per me amore mio, stai zitta | stai zitta amore mio. (da Annina)
  • Come il caldo | che scioglie l'inverno, quel che resta del giorno | ha un sapore diverso. (da La Nostra Vita Nuova)
  • Siamo persone un po' sotto la media | viviamo di invidia e di banalità. Ma dateci i soldi | e tutto si aggiusterà. (da I Forzati dell'immagine)
  • [...] come una luce | come un abbaglio | o forse era solo uno sbaglio... (da Di Sfuggita)

Raduni 1995-2005[modifica]

Etichetta: Emi, 2005

  • Ogni pensiero può cambiare il destino | persino un bambino sa farlo | basta avere un sogno | e poi stringerlo in pugno | vedrai si avvererà. (da Splendere ogni giorno il sole)
  • Davanti a un muro | c'è chi fischia e fa il giro | lamenta che il mondo è cattivo. | Non è nel mio stile | bisogna salire. (da Splendere ogni giorno il sole)

Tra l'aratro e la radio[modifica]

Etichetta: OTRlive, 2008

  • Se in quello che hai detto ci credevi davvero | vorrei tanto che lo ripetessi di nuovo. | Dicono che gli occhi fanno un uomo sincero | allora stai zitta | non parlarmi nemmeno. (da Il solito sesso)
  • Chiuderò la curva dell'arcobaleno | per immaginarlo come la tua corona. (da Il solito sesso)
  • Sai qualcosa tipo "cielo in una stanza" | è quello che ho provato prima in tua presenza. | Dicono che gli angeli amano in silenzio | ed io nel tuo mi sono disperatamente perso. | Sento che respiri forte in questa cornetta | maledetta mi separa dalla tua bocca. (da Il solito sesso)
  • Respirerò dove l'abisso discende | e avrai tutte le piogge nella tua mano. | Ma se solo potessi un giorno vendere il mondo intero | in cambio del tuo amore vero. (da Il solito sesso)
  • Perché sai non capita poi tanto spesso che il cuore mi rimbalzi così forte addosso. (da Il solito sesso)
  • La logica della vendetta è fallimentare | infatti come è noto il dente è perdente | un occhio per un occhio è sempre un occhio solamente . (da Siamo come siamo)
  • Poter vivere una vita sola esclude la salvezza delle correzioni e nel progresso torneranno ancora i nostri sbagli. (da Siamo come siamo)
  • E sono vivo perché l'ho deciso adesso | Vorrei vivere più spesso. (da Siamo come siamo)
  • Hanno tutti un amico che fa prezzi migliori, giudici, tecnici, politici e dottori, chi diprezza e chi compra e chi apprezza non conta: conta solo chi ha un prezzo... (da Siamo come siamo)
  • Il gatto delle nevi, il bracco dei ghiacciai, il deltaplano, le scarpe, gli occhiali e le parrucche; per protesi dentale il ponte di Messina e avrò un sorriso carrabile... Le favole di Esopo per coscienza collettiva, 007 come vita alternativa... Inabili, inarresi, in pròtesi protési, siamo come siamo... (da Siamo come siamo)
  • Resterà un segno? | Resterà il mio ricordo, | di queste scorie di cellule umori e passioni, | dell' ansimare tra coscienza e istinto, | tra sublime e minuto? Di quest'odore di pane caldo | in questa notte d'estate così piena di stelle? | Di questo spasimo incontenibile, chiamato amore? (da Crisalide)
  • Solo chi non ha visto ci crede davvero... | perché chi c'era | ancora si chiede se era... (da Crisalide)

Quindi?[modifica]

Etichetta: Universal, 2010

  • E solo a pensarti lo sento che i venti, la polvere, il mondo, l'oceano, l'idea di un amore tremendo... tutto è dentro te. (da Edera)
  • Cosa sono quando pensi a me? Un nome, un suono di due sillabe? O il centro di qualcosa che non si crea... l'istinto a cui si è arresa ogni tua idea? (da La moglie del poeta)
  • Potessi, amore, esser nemmeno una donna, ma il punto esatto del foglio dove ti scivola, nero, il tratto di penna. (da La moglie del poeta)
  • Tu che sei nei miei giorni: certezza, emozione, nell'incanto di tutti i silenzi che gridano vita sei il canto che libera gioia, sei il rifugio, la passione. (da Mentre dormi)
  • Io ti voglio celebrare | come un prete sull'altare. (da Mentre dormi)
  • Di giorni inutili | ne ho già passati troppi. Con le unghie in bocca | a disegnare scarabocchi. Escludo prospettive | tese sull'azione; | i bei propositi scolpiti | in preda alla ragione. (da Senza Coda (Autonomie))

Sotto Casa[modifica]

Etichetta: Virgin Records, 2013

  • E non c'è una soluzione se non quella | di rimpicciolirmi a dismisura | fino al punto di traslocare nella | borsa tua con gran disinvoltura.(da I tuoi maledettissimi impegni)
  • Apra la sua porta faccia presto non importa | cosa crede lei di questo movimento ma l'avverto che al suo posto | non ci penserei due volte | dato l'imminente arrivo di Gesù | perché poi non torna più. (da Sotto casa)
  • Non è detto che tutto debba cambiare | che l'amore sia banale dopo il primo parere | non c'è niente che più mi faccia dolore | quell'immagine di te | col tuo prossimo amore. (da E tu vai via)
  • Vento, se almeno per dispetto | in un dannato giorno di bonaccia | avessi spento quel cerino! (da Quel cerino)

Maximilian[modifica]

Etichetta: Universal, 2015

  • Teresa ci sono affetti | in effetti che affetti | non sono stati mai. | Ma cosa vuoi | ai tempi sai m'innamorai. (da Teresa)

Collaborazioni[modifica]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Ernesto Assante, Max Gazzè: "Ho scelto il pop, quell'arte difficile che piace ai bimbi", Repubblica.it, 19 agosto 2016.
  2. Dall'intervista di Roberto Pavanello, Max Gazzè: "Trent’anni di studio in 11 canzoni: dalla storia alla fisica quantistica", Lastampa.it, 27 febbraio 2018.
  3. Cantata con Carmen Consoli
  4. Originariamente cantata nella versione Taxi Europa con Stephan Eicher

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]