Anna Tatangelo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Ragazza di periferia)
Jump to navigation Jump to search
Anna Tatangelo

Anna Tatangelo (1987 – vivente), cantante italiana.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Attimo x attimo[modifica]

Etichetta: EMI, 2003, prodotto da Fio Zanotti.

  • Se gli amori somigliano a noi | Sono appesi ad un filo nel cielo | Basta un soffio di vento e accadranno anche per te. (da Se amore è, n. 4)

Ragazza di periferia[modifica]

Etichetta: Universal Music Italia, 2005, prodotto da Gigi D'Alessio e Adriano Pennino.

  • Essere una donna | non vuol dir riempire solo una minigonna. (da Essere una donna[1], n. 1)
  • Di noi | vedo a terra i pezzi di un amore | che hai buttato via | sono resti di emozioni forti della vita mia | caramelle troppo amare adesso da mandare giù | Lo sai | m'hai lasciato un grande vuoto | dentro che non va più via | per andare avanti devo dire è solo colpa mia | qualche volta ti diventa amica pure una bugia. (da Quando due si lasciano, n. 3)

Mai dire mai[modifica]

Etichetta: Sony Music, 2007, prodotto da Gigi D'Alessio.

  • Dimmi che male c'è | Se ami un altro come te | L'amore non ha sesso | Il brivido è lo stesso | O forse un po' di più. (da Il mio amico, n. 1)
  • E adesso averti qui | Ormai senza nasconderci | Baciarti tra la gente | Che ci guarda indifferente | Come non ha fatto mai. (da Averti qui, n. 2)
  • Come vorrei che Dio ti desse tanta vita | Perché tu non hai peccato | Sei l'infinito per me | E quando dico "mamma" | Le mie labbra si baciano per te. (da La più bella, n. 5)
  • Ti chiedo scusa | Ma sai com'è | Vai io non vengo | Dove vai te. (da Cosa ne sai, n. 6)
  • Solo tu puoi dare un senso a quel che hai, | io so solo che in amore non si può mai dire mai... (da Mai dire mai, n. 12)

Nel mondo delle donne[modifica]

Etichetta: Sony Music, 2008, prodotto da Gigi D'Alessio.

  • E quando lei sarà tra le tue braccia, | almeno pensami un po' | e ricordati di quando c'ero io | e quante volte hai detto "amore giuro, | non ci lasceremo mai. (da Va da lei[2], n. 3)
  • La passione è una bottiglia | che si svuota prima o poi. (da Lei che ne sa[3], n. 8)
  • La tua donna è qui che muore | e tu che fai? | In silenzio te ne vai. (da Lei che ne sa[3], n. 8)

Incipit di Ragazza di periferia: la mia piccola favola[modifica]

Sembra di stare su un altro pianeta, in un'altra galassia. Qui è tutto diverso, grande, le distanze sono dilatate. Non mi ero mai allontanata così tanto da casa. Via da tutto e tutti. Io, una semplice ragazza di periferia che, dal mercato di Sora, si ritrova catapultata sul palcoscenico di uno dei teatri più grandi e importanti dell'emisfero Sud del mondo.
Con me in scena c'è Gigi.
Sono ospite del suo Quanti amori World Tour 2005. Mancano pochi secondi. Le luci tra un po' si accenderanno, gli amplificatori inizieranno a ruggire... Ma io sarò all'altezza? Saprò meritarmi tutto questo? Mamma, papà, fratelli, sorella, amici d'infanzia, il mio sogno è qui a pochi secondi, a pochi centimetri. Ci sono quasi, lo sto per afferrare, spero solo di non cadere. Non voglio svegliarmi. Il mio sogno è fatto della materia delle sensazioni più belle e profonde, il mio sogno si chiama Musica.

Note[modifica]

  1. Testo di Mogol.
  2. Testo di Gigi D'Alessio.
  3. a b Testo di Alessandro Mancuso.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]