Reginald Arkell

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Reginald Arkell (1882–1959), scrittore britannico.

Incipit di Memorie di un vecchio giardiniere[modifica]

Era una mite mattina d'autunno, di quelle in cui la foschia dell'alba si tramuta in una pioggerella leggera e l'acqua gocciola da ogni dove. Non era ancora una vera avvisaglia dell'inverno, quanto piuttosto una dolce pausa fra due stagioni che danno sempre il meglio di sé: né troppo caldo, come era stato; né troppo freddo, come sarebbe stato.
Era il periodo dell'anno e l'ora del giorno che il vecchio prediligeva. Ormai non poteva più muoversi molto, e pertanto gli avevano approntato il letto vicino alla finestra del cottage, e se ne stava seduto lì, a volte sveglio, a volte appisolato, sognando tante cose.

Bibliografia[modifica]

  • Reginald Arkell, Memorie di un vecchio giardiniere, traduzione di Franca Pece, Elliot Edizioni, 2011. ISBN 9788861922495

Altri progetti[modifica]