René Dreyfus

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
René Dreyfus nel 1938

René Dreyfus (1905 – 1993), pilota automobilistico francese.

Citazioni di René Dreyfus[modifica]

  • [Sulla partecipazione di Eliška Junková alla Targa Florio del 1928] La sua tenacia e determinazione erano notevoli. Per questo evento si è recata in Sicilia con una governante e un'auto come quella con cui avrebbe gareggiato, un mese intero prima della gara. Ha iniziato lentamente, un giro un giorno, due giri il successivo e così via – deve aver fatto trenta o quaranta giri in quella macchina. Conosceva il percorso meglio di chiunque altro. Ha davvero battuto la sua Bugatti; era un'auto molto usata il giorno della gara, ma naturalmente aveva pensato in anticipo e il team Bugatti arrivò con la nuova macchina che aveva ordinato, una T35B dipinta di nero e giallo e disposta per essere consegnata sul campo. Era pronta con il suo piano. Nei primi giri di gara ha iniziato a spaventare gli altri piloti – essere battuti da una donna allora era impensabile – ed è rimasta in testa fino all'ultimo giro. Ciò che non aveva considerato in tutti i suoi accurati calcoli pre-gara, e che non poteva prevedere, era che problemi meccanici avrebbero potuto interferire con il suo piano. Quando lo fecero, fu costretta a ritirarsi. Tuttavia, è arrivata quinta – uno spettacolo fantastico. Nessuno dei presenti a quella Targa Florio, ha mai dimenticato quella formidabile Signora.[1]

Note[modifica]

  1. Dal libro autobiografico My Two Lives, citato in Eliška Junková, biografieonline.it.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]