Robert Merle

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Robert Merle, 1985

Robert Merle (1908 – 2004), scrittore francese.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il giardino del serpente[modifica]

Cinque anni fa – per l'esattezza il 5 dicembre 1572 alle sette del mattino –, mentre mi inerpicavo lungo gli scalini che conducono al Vaticano, sfortuna volle che cadessi a terra in modo tale da sbattere il collo contro lo spigolo di un gradino. L'impatto mi spezzò la laringe, e sarei morto all'istante per soffocamento se un cerusico che si trovava là, non mi avesse aperto la gola con un paio di forbicine. La ferita guarì, ma io rimasi muto.[1]

La morte è il mio mestiere[modifica]

Svoltai all'angolo della Kaiser-Allee, una raffica di vento e di pioggia gelata mi sferzò le gambe nude e, con una stretta al cuore, mi rammentai ch'era sabato.[1]

Note[modifica]

  1. a b Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progetti[modifica]