Robert Traver

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Robert Traver, pseudonimo di John D. Voelker (1903 – 1991), scrittore, soggettista, avvocato e procuratore distrettuale statunitense.

Incipit di Anatomia di un omicidio[modifica]

Le sirene della miniera fischiavano il segnale della mezzanotte, mentre scendevo con la macchina, lungo Main Street, il pendio della collina. Era domenica, una calda notte di mezz'agosto, con la luna in cielo, è io tornavo da un lungo weekend: ero stato a pecare trote nella zona del Lago Oxbow, ospite del mio amico Danny Mcginnis, un vecchio eremita che se ne stava lassù tutto l'anno. All'angolo di Hematite Street, sterzai per dare un'occhiata alla casa di mia madre, quell'immutabile baracca di legno verniciato di bianco dove io ero venuto al mondo. La casa è sull'angolo, e mentre voltavo, i fari del mio coupé spazzarono con la loro luce la fila di olmi alti e cascanti che mio padre aveva piantato da giovanotto, poi trassero riflessi bluastri dalle finestre buie. Mia madre, Belle, era ancora via, da una mia sorella sposata, e, prima di partire, mi aveva ingiunto di andare ogni tanto a dare un'occhiatina alla casa. Be', anche stavolta l'avevo data e, guarda, la casa era sempre lì.

Bibliografia[modifica]

  • Robert Traver, Anatomia di un omicidio (Anatomy of a Murder), traduzione di Carlo Rossi Fantonetti, Garzanti Editore 1984.

Altri progetti[modifica]