Robin McKinley

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Robin McKinley

Jennifer Carolyn Robin McKinley (1952 — vivente), scrittrice statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

La spada blu[modifica]

Guardò torva il bicchiere di succo d'arancia. E pensare che era stata felicissima quando era arrivata lì (erano passati solo tre mesi?) con la prospettiva di succo d'arancia fresco tutti i giorni. Ma era stata impaziente di essere felicissima; quella doveva essere casa sua, e lei desiderava tantissimo che le piacesse, di poter essere grata di quel che aveva. Voleva comportarsi bene, rendere suo fratello fiero di lei e che sir Charles e lady Amelia fossero felici della propria generosità.

Sunshine[modifica]

Era una cosa stupida da fare, ma non così stupida. Da anni non c'erano problemi al lago. E questo lo rendeva molto, molto diverso dal resto della mia vita.
Il lunedì sera a casa nostra è la serata cinema, perché festeggiamo il fatto di essere riusciti a vivere insieme un'altra settimana. Il sabato sera chiudiamo alle undici o a mezzanotte e arranchiamo moribondi verso casa, e il lunedì (a parte qualche festa nazionale) è il nostro giorno libero. Quello stesso giorno Ruby va alla caffetteria con la sua squadra di guerrieri e la attacca con un equipaggiamento high-tech talmente potente che potrebbe addomesticare perfino Godzilla, dimostrando che quelle teste monodirezionali dei militari farebbero meglio a chiedere aiuto alle imprese di pulizia quando hanno a che fare con enormi e letali predatori.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]