Romano Fenati

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Romano Fenati (2013)

Romano Fenati (1996 – vivente), pilota motociclistico italiano.

Citazioni di Romano Fenati[modifica]

  • [Sugli eventi seguenti la "pinzata" nel Gran Premio di San Marino e Riviera di Rimini 2018] Sono stato sentito in direzione gara, con Manzi, e tutto sembrava tranquillo. Ci siamo spiegati e stretti la mano, ho chiesto scusa perché il mio, a differenza dei suoi, è stato un gesto plateale. Ho preso due gare di squalifica, che nel calcio sono poche ma nelle moto sono tantissime. Pensavo fosse finita lì. [«E poi cosa è accaduto?»] Che tutto il resto, dal togliermi la licenza al licenziamento, come in un domino lo hanno scatenato i social. Sono una Corte vera e propria, che ha emesso un giudizio molto più velocemente dei tribunali normali e mi ha condannato senza appello. Mi avevano già costruito la bara. [...] Ammetto le mie colpe, con l'attenuante dell'adrenalina, ma chi minaccia di morte dal divano non ha adrenalina. Era diventato di moda insultarmi.[1]
  • Corro da quando ho quattro anni per passione. Mi piace spingermi oltre il limite, sempre. Cerco la sfida, di misurarmi con la velocità in qualsiasi cosa, a motore o no. Per me è nato tutto per gioco ed è rimasto un gioco. Perché se lo vedo come un lavoro è stressante. Preferisco prenderlo alla leggera, per quanto posso.[1]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Gabriele Micalizzi, In pista nessuno è un santo, SportWeek, nº 6 (923), 9 febbraio 2019, pp. 42-47.

Altri progetti[modifica]