Sébastien Frey

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Sebastien Frey nel 2012

Sébastien Jacques André Frey (1980 – vivente), ex calciatore francese.

Citazioni di Sébastien Frey[modifica]

  • Prandelli? Con lui e il suo staff non c'è mai stato grande feeling. Da lui non ho mai ricevuto un "grazie" o un complimento. Ma Prandelli è il passato. Di lui non voglio parlare.[1]

Frey: «Sono stanco del calcio»

Dall'intervista di Alessandra Giardini, Corriere dello Sport.it, 5 dicembre 2015.

  • Sono stanco psicologicamente. L'ultima esperienza in Turchia è stata la botta definitiva. Ma negli ultimi tre o quattro anni mi sono accorto che questo mondo mi appartiene sempre di meno. Avevo un'altra stagione di contratto, ma non volevo avvelenare il ricordo che ho del calcio. È stato la mia vita, non posso andare in campo solo per prendere lo stipendio
  • Quando ho cominciato a giocare c'era rispetto. La parola di una persona aveva lo stesso valore di una firma, adesso non contano neanche le firme. E a me non piace.
  • Io ci vado a vedere i ragazzini, anche mio figlio Daniel gioca. Può darsi che sia colpa dei genitori, non lo so, ma dagli undici anni in poi hanno in testa le cose sbagliate. Pensano di essere Messi, o Cristiano Ronaldo. Vogliono la macchina grossa, le scarpe con il nome sopra, il calcio lo pensano meno. Io non so cosa darei per tornare all'età in cui pensi soltanto a portare il pallone, nel mio caso i guanti, e ad andare a giocare con i tuoi amici.
  • [Guardando la partita di Coppa Uefa, Inter 3-0 Strasburgo, 9 dicembre 1997] Vidi passare Ronaldo a un metro da me. Le generazioni di oggi non sanno cosa si sono perse. Dici Ronaldo e pensano a Cristiano. Non sanno che cosa è stato Ronaldo quello vero.
  • [Sul trasferimento all'Inter nel 1998] [...] l'Inter allora era una famiglia. Non voglio dire che trattassero Frey come Ronaldo, ma a livello umano eravamo tutti uguali. Oggi questo si è perso. Il primo anno mi allenavo e continuavo a guardare Ronaldo e Baggio. Potevo anche andare in porta con gli occhialini per il 3d e il popcorn, come al cinema.

Note[modifica]

  1. Citato in Tancredi Palmeri, Il blob della settimana Balotelli, i razzisti e Cassano, Gazzetta.it, 22 novembre 2010.

Altri progetti[modifica]